Soggettivismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il soggettivismo è la tendenza a interpretare ogni cosa in modo soggettivo. Secondo una visione metapersonalistica, la radice "sub-jicere" indica qualunque entità atta a formare soggetto ovvero che soggiaccia all'osservatore.

Ove inteso in senso filosofico, il soggettivismo è la caratteristica di una dottrina che neghi l'esistenza di criteri di verità e di valore indipendenti dal soggetto. Ovvio corollario di questo assunto è la negazione di quanto è reale, oggettivo, fino alle estreme conseguenze.
Sono distinguibili in progressione di radicalità:

  • il soggettivismo empirico, che intende per soggetto il singolo individuo;
  • il soggettivismo trascendentale, che intende per soggetto la ragione universale;
  • il soggettivismo idealistico, che considera tutta la realtà come un prodotto dell'attività del pensiero;

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di filosofia