Storia romana (Cassio Dione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia romana
Titolo originale Romaiká
Aeneas and Turnus.jpg
Enea vince Turno in un dipinto di Luca Giordano
Autore Cassio Dione Cocceiano
1ª ed. originale 230?
Genere trattato
Sottogenere storiografia
Lingua originale greco antico

La Storia romana è un'opera in 80 libri, scritta in greco nella prima metà del III secolo da Cassio Dione Cocceiano, storico e funzionario imperiale romano. Quest'opera, frutto delle ricerche e del lavoro di ventidue anni, copriva un periodo di 983 anni, dall'arrivo di Enea in Italia e la fondazione di Roma (753 a.C.) fino al 229 d.C.

Strutturamodifica | modifica wikitesto

Fino all'età di Giulio Cesare, Cassio Dione fornisce solo un rapido resoconto degli eventi, mentre per gli anni successivi entra sempre più nei particolari. Grande accuratezza c'è a partire dal periodo dell'imperatore Commodo.
I primi 36 libri sono giunti fino a oggi solo in forma frammentaria[1]. I libri successivi, fino al LIV compreso, sono invece quasi tutti completi e vanno dal 65 a.C. al 12 a.C. (cioè dalla campagna orientale di Pompeo e la morte di Mitridate alla morte di Marco Vipsanio Agrippa). Considerevolmente lacunoso è il libro LV.
Mentre i libri dal cinquantasei al sessanta, che comprendono il periodo dal 9 al 54, sono completi e contengono gli eventi che vanno dalla sconfitta di Varo in Germania (battaglia di Teutoburgo) alla morte di Claudio, dei venti libri successivi rimangono diverse epitomi ad opera di Giovanni Zonara e uno scarno e mediocre riassunto del monaco Giovanni Xifilino (XI secolo), voluto dall'imperatore bizantino Michele VII Parapinace.
Il settantanovesimo e l' ottantesimo e ultimo libro, in buona parte conservati, coprono il periodo dal 216 al 229 (principati di Caracalla, Macrino, Eliogabalo e Alessandro Severo).

Metodo e stilemodifica | modifica wikitesto

Il modello di Cassio Dione è Tucidide, ma il risultato non è di certo all'altezza della Guerra del Peloponneso. Lo stile è comunque chiaro ed è pieno di latinismi. Cassio Dione, vista anche la posizione privilegiata che aveva come senatore e uomo dell'amministrazione imperiale, è molto ben informato sulle vicende dell'Impero a lui contemporanee.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Fanno eccezione una parte considerevole del trentacinquesimo libro (guerra di Lucullo contro Mitridate VI re del Ponto) e una del trentaseiesimo (guerra di Pompeo Magno contro i pirati e spedizione del generale contro il sovrano del Ponto)

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • G. Urso, Cassio Dione e i Sovversivi. La Crisi della Repubblica nei Frammenti della Storia Romana (XXI-XXX), LED Edizioni Universitarie, Milano 2013, ISBN 978-88-7916-627-0

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto