Strage di Bologna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°30′22″N 11°20′32″E / 44.506111°N 11.342222°E44.506111; 11.342222

Strage di Bologna
Stragedibologna-2.jpg
L'ala Ovest della stazione di Bologna, crollata a seguito dell'esplosione dell'ordigno che causò la strage.
Stato Italia Italia
Luogo Bologna
Obiettivo Stazione ferroviaria
Data 2 agosto 1980
10:25
Tipo Attentato dinamitardo
Morti 85
Feriti 200
Responsabili Luigi Ciavardini, Valerio Fioravanti e Francesca Mambro (membri dei Nuclei Armati Rivoluzionari)[1]
Motivazione
« I terroristi hanno commesso un solo errore: compiere la strage a Bologna. »
(Lidia Secci, madre di una delle vittime[6].)

La strage di Bologna, compiuta la mattina di sabato 2 agosto 1980 alla stazione ferroviaria di Bologna, è il più grave atto terroristico avvenuto in Italia nel secondo dopoguerra, da molti indicato come uno degli ultimi atti della strategia della tensione.

Come esecutori materiali furono individuati dalla magistratura alcuni militanti di estrema destra, appartenenti ai Nuclei Armati Rivoluzionari, tra cui Valerio Fioravanti. Gli ipotetici mandanti sono rimasti sconosciuti, ma furono rilevati collegamenti con la criminalità organizzata e i servizi segreti deviati[7].

Nell'attentato rimasero uccise 85 persone e oltre 200 rimasero ferite. Le indagini si indirizzarono quasi subito sulla pista neofascista, ma solo dopo un lungo iter giudiziario e numerosi depistaggi (per cui furono condannati Licio Gelli, Pietro Musumeci, Giuseppe Belmonte e Francesco Pazienza), la sentenza finale del 1995 condannò Valerio Fioravanti e Francesca Mambro «come appartenenti alla banda armata che ha organizzato e realizzato l'attentato di Bologna» e per aver «fatto parte del gruppo che sicuramente quell'atto aveva organizzato», mentre nel 2007 si aggiunse anche la condanna di Luigi Ciavardini, minorenne all'epoca dei fatti[8].

Indice

L'avvenimentomodifica | modifica wikitesto

Cittadini e vigili del fuoco trasportano all'esterno della stazione uno dei feriti.
L'autobus della linea 37, utilizzato come pronto soccorso mobile di fronte alla stazione.
Luogo della strage di Bologna.
Orologio strage di Bologna.

Il 2 agosto 1980 alle 10:25, nella sala d'aspetto di seconda classe della stazione di Bologna, affollata di turisti e di persone in partenza o di ritorno dalle vacanze, un ordigno a tempo, contenuto in una valigia abbandonata, venne fatto esplodere e causò il crollo dell'ala Ovest dell'edificio[9]. La bomba era composta da 23 kg di esplosivo, una miscela di 5 kg di tritolo e T4 detta «Compound B», potenziata da 18 kg di gelatinato (nitroglicerina a uso civile)[10].

L'esplosivo, di fabbricazione militare, era posto nella valigia, sistemata a circa 50 centimetri d'altezza su di un tavolino portabagagli sotto il muro portante dell'ala Ovest, allo scopo di aumentarne l'effetto[10]: l'onda d'urto, insieme ai detriti provocati dallo scoppio, investì anche il treno Ancona-Chiasso, che al momento si trovava in sosta sul primo binario, distruggendo circa 30 metri di pensilina, ed il parcheggio dei taxi antistante l'edificio. L'esplosione causò la morte di 85 persone e il ferimento o la mutilazione di oltre 200.

Manifestazione di protesta in piazza Maggiore a Bologna, durante la celebrazione dei funerali delle vittime.

La città reagì con orgoglio e prontezza: molti cittadini, insieme ai viaggiatori presenti, prestarono i primi soccorsi alle vittime e contribuirono ad estrarre le persone sepolte dalle macerie e, immediatamente dopo l'esplosione, la corsia di destra dei viali di circonvallazione del centro storico di Bologna, su cui si trova la stazione, fu riservata alle ambulanze e ai mezzi di soccorso. Dato il grande numero di feriti, non essendo tali mezzi sufficienti al loro trasporto verso gli ospedali cittadini, i vigili impiegarono anche autobus, in particolare quello della linea 37, auto private e taxi.

Al fine di prestare le cure alle vittime dell'attentato, i medici e il personale ospedaliero fecero ritorno dalle ferie, così come i reparti, chiusi per le festività estive, furono riaperti per consentire il ricovero di tutti i pazienti. L'autobus 37 divenne, insieme all'orologio fermo alle 10:25 (anche se fu rimesso in funzione, e fermato successivamente)[11], uno dei simboli della strage. Di una delle vittime (la ventiquattrenne Maria Fresu) non venne ritrovato il corpo. Soltanto il 29 dicembre 1980, fu accertato che alcuni resti ritrovati sotto il treno diretto a Basilea appartenevano a lei. Evidentemente ella si era trovata così vicino alla bomba che il suo corpo fu completamente disintegrato dall'esplosione.

Nei giorni successivi, la centrale piazza Maggiore ospitò imponenti manifestazioni di sdegno e di protesta da parte della popolazione e non furono risparmiate accese critiche e proteste rivolte ai rappresentanti del governo, intervenuti il giorno 6 ai funerali delle vittime celebrati nella Basilica di San Petronio. Gli unici applausi furono riservati al Presidente della Repubblica Sandro Pertini, giunto con un elicottero a Bologna alle 17:30 del giorno della strage, che in lacrime affermò di fronte ai giornalisti: «Non ho parole, siamo di fronte all'impresa più criminale che sia avvenuta in Italia»[12].

Le indagini giudiziariemodifica | modifica wikitesto

Nell'immediatezza dell'attentato la posizione ufficiale sia del Governo italiano (allora presieduto da Francesco Cossiga) sia delle forze di polizia fu quella dell'attribuzione dello scoppio a cause fortuite, ovvero all'esplosione di una vecchia caldaia sita nel sotterraneo della stazione[10]. Tuttavia, a seguito dei rilievi svolti e delle testimonianze raccolte sul posto, apparve chiara la natura dolosa dell'esplosione, rendendo palese una matrice terrorista[10]. Ciò contribuì ad indirizzare le indagini nell'ambiente del terrorismo nero.

Molti anni dopo, ricordando l'ipotesi della caldaia, il magistrato Libero Mancuso disse in un'intervista televisiva che i depistaggi erano già iniziati pochi minuti dopo la strage. Ciò fu particolarmente grave perché, essendo esclusa nelle prime ore l'ipotesi di un attentato, gli esecutori poterono dileguarsi indisturbati. L'Unità, nell'edizione del 3 agosto, basandosi su una presunta rivendicazione da parte dei NAR, sostenne l'idea della matrice neofascista dell'attentato[13]. Ci furono da subito, infatti, alcune cosiddette rivendicazioni, da parte dei NAR (telefonata risultata partita da una sede fiorentina del SISMI), poi dalle Brigate Rosse, seguite da altrettante telefonate di smentita da parte di militanti dei due gruppi terroristici, fatti che contribuirono al depistaggio[14].

Due giorni prima della strage, il giudice istruttore bolognese aveva depositato l'ordinanza di rinvio a giudizio dei neofascisti toscani accusati della strage dell'Italicus. Anche questa circostanza indusse ad avviare le indagini all'interno dell'area del terrorismo nero[15]. Il 22 agosto, un rapporto della DIGOS (che conteneva documenti come i «fogli d'ordini» di Ordine Nuovo e La disintegrazione del sistema di Franco Freda), avvalorò la necessità di indagare negli ambienti neofascisti[10].

Il 28 agosto 1980 la Procura della Repubblica di Bologna emise 28 ordini di cattura nei confronti di militanti di estrema destra dei Nuclei Armati Rivoluzionari, di Terza Posizione e del Movimento Rivoluzionario Popolare[15]. A questi se ne aggiunsero altri, per un totale di oltre 50. Le accuse erano quelle di associazione sovversiva, banda armata ed eversione dell'ordine democratico[10]. In base ai rapporti della DIGOS, ma anche in base alle testimonianze e dichiarazioni dei detenuti, finorono sotto inchiesta: Roberto Fiore e Massimo Morsello, Gabriele Adinolfi, Sergio Calore[15], Francesca Mambro[15], Elio Giallombardo, Amedeo De Francisci, Massimiliano Fachini[15], Roberto Rinani, Valerio Fioravanti[15], Claudio Mutti, Mario Corsi, Paolo Pizzonia, Ulderico Sica, Francesco Bianco, Alessandro Pucci, Marcello Iannilli, Paolo Signorelli, Pierluigi Scarano, Francesco Furlotti, Aldo Semerari, Guido Zappavigna, Gianluigi Napoli, Fabio De Felice e Maurizio Neri. Tutti saranno successivamente scarcerati nel 1981[10].

I depistaggi e la disinformazionemodifica | modifica wikitesto

Licio Gelli, Maestro Venerabile della P2, condannato per il depistaggio delle indagini. Ha successivamente dichiarato che l'esplosione è stata causata da un mozzicone di sigaretta che ha innescato un'esplosione per colpa di una fuga di gas[16].

Ai magistrati giunsero notizie e segnalazioni in base alle quali i sospetti dovevano essere indirizzati oltre confine. L'ipotesi scaturita da quelle indicazioni era quella di un complotto internazionale che coinvolgeva terroristi stranieri e neofascisti italiani latitanti all'estero con collegamenti in Italia[15].

Tutto questo risulterà essere un montaggio costruito a tavolino, utilizzando vecchie informazioni e notizie completamente inventate. Le operazioni di depistaggio furono progettate ed eseguite da un settore deviato del SISMI, all'epoca diretto dal generale Giuseppe Santovito (iscritto alla P2 e morto nel 1984)[15][17].

Il 13 gennaio 1981, in uno scompartimento di seconda classe del treno Espresso 514 Taranto-Milano, fu scoperta una valigia che conteneva otto lattine piene di esplosivo (lo stesso esplosivo che fece esplodere la stazione)[10], un mitra MAB, un fucile automatico da caccia, due biglietti aerei Milano-Monaco e Milano-Parigi. Il ritrovamento era stato possibile in seguito a una segnalazione dei servizi segreti. L'operazione, chiamata «Terrore sui treni», si dimostrò un falso del gruppo deviato del SISMI, che voleva accreditare la tesi della pista estera, facendo riferimento ad una fonte che doveva restare segreta.

La Corte d'assise di Roma accertò che «la fonte non esisteva e le informazioni erano false, costruite nell'ufficio di Musumeci e Belmonte, con la connivenza di Santovito»[15]. Nella motivazione i giudici scrissero che «la ricostruzione dei fatti, basata su prove documentali e testimoniali, e sulle dichiarazioni degli stessi imputati, fa emergere una macchinazione sconvolgente che ha obiettivamente depistato le indagini sulla strage di Bologna. Sgomenta che forze dell'apparato statale, sia pure deviate, abbiano potuto così agire, non solo in violazione della legge, ma con disprezzo della memoria di tante vittime innocenti, del dolore delle loro famiglie e con il tradimento delle aspettative di tutti i cittadini, a che giustizia si facesse.»[15].

La valigia fu messa da un sottufficiale dei carabinieri e conteneva oggetti personali di due estremisti di destra, un francese e un tedesco, chiamati Raphael Legrand e Martin Dimitris[10].

Un dossier fasullo – prodotto dal vicecapo del SISMI, il generale Pietro Musumeci[10] – riportava gli intenti stragisti dei due terroristi internazionali in relazione con altri esponenti dell'eversione neofascista, tutti legati allo spontaneismo armato, senza legami politici, quindi autori e allo stesso tempo mandanti della strage.

La motivazione del depistaggio è stata identificata nell'obiettivo di celare la strategia della tensione, oppure, secondo tesi minoritarie, nel proteggere Mu'ammar Gheddafi e la Libia da possibili accuse, in quanto divenuti ormai partner commerciali importanti per FIAT ed Eni[18]. Lo stesso giorno della strage, a La Valletta, si firmò l'accordo in cui l'Italia si impegnava a proteggere Malta da attacchi libici, come quelli che si sarebbero poi verificati in quella zona del Mediterraneo[19].

Il 29 luglio 1985 Pietro Musumeci è stato condannato a 9 anni di carcere per associazione a delinquere, Francesco Pazienza a 8 anni e 6 mesi per lo stesso reato (l'accusa di violazione del segreto di Stato fu coperta da amnistia), mentre Giuseppe Belmonte fu condannato a 7 anni e 8 mesi per associazione a delinquere, peculato e interesse privato in atti di ufficio: assolti con formula piena il colonnello Secondo D'Eliseo, il capitano Valentino Artinghelli e Adriana Avico (collaboratrice di Pazienza)[20].

In appello, il 14 marzo 1986, le condanne scesero a 3 anni e 11 mesi per Musumeci, a 3 anni e 2 mesi per Pazienza, e a 3 anni per Belmonte. Per tutti gli imputati cadde l'accusa di associazione per delinquere[21]. Per i giudici della Corte d'appello di Roma non esisteva il «Super-SISMI», ma una serie di attività censurabili e realizzate con fini di lucro, che non rientravano in alcuna organizzazione segreta parallela ai servizi segreti militari[22].

Le affermazioni di Francesco Cossigamodifica | modifica wikitesto

Francesco Cossiga, il 15 marzo 1991, al tempo della sua presidenza della Repubblica, affermò di essersi sbagliato a definire «fascista» la strage alla stazione di Bologna e di essere stato male informato dai servizi segreti. Dopo la dichiarazione del 1980, poi ritrattata da Cossiga, venne abbandonata la pista libica, sostenuta fin dall'inizio da Giovanni Spadolini[23], per puntare solo su quella neofascista[24]. Attorno a questa strage, come era già avvenuto per la strage di piazza Fontana nel 1969, si sviluppò un cumulo di affermazioni, controaffermazioni, piste vere e false, tipiche di altri tragici avvenimenti della cosiddetta strategia della tensione.

I processi e le condannemodifica | modifica wikitesto

Valerio Fioravanti e Francesca Mambro durante il processo.

L'11 dicembre 1985 i giudici istruttori Vito Zincani e Sergio Guastaldo, accogliendo le richieste dei magistrati Libero Mancuso e Attilio Dardani, emisero venti mandati di cattura[25] e il 14 giugno 1986 furono rinviate a giudizio altrettante persone[26].

Il dibattimento cominciò il 19 gennaio 1987, ma fu subito rinviato[27].

Fasi principali del processo:

  • Bologna, 9 marzo 1987: inizio del processo di primo grado.
  • 11 luglio 1988: sentenza.
    • Ergastolo per il delitto di strage: Massimiliano Fachini, Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Sergio Picciafuoco. Assolti: Roberto Rinani e Paolo Signorelli.
    • Condannati per banda armata: Gilberto Cavallini, Massimiliano Fachini, Valerio Fioravanti, Egidio Giuliani, Francesca Mambro, Sergio Picciafuoco, Roberto Rinani e Paolo Signorelli. Assolti: Marcello Iannilli, Giovanni Melioli e Roberto Raho.
    • Assolti per associazione sovversiva: Marco Ballan, Giuseppe Belmonte, Fabio De Felice, Stefano Delle Chiaie, Massimiliano Fachini, Licio Gelli, Maurizio Giorgi, Pietro Musumeci, Francesco Pazienza, Paolo Signorelli e Adriano Tilgher.
    • Condannati per calunnia aggravata al fine di assicurare l'impunità agli autori della strage: Giuseppe Belmonte, Licio Gelli, Pietro Musumeci e Francesco Pazienza[15].
  • 25 ottobre 1989: inizio del processo d'appello[15].
  • 18 luglio 1990: sentenza.
    • Assolti dall'imputazione di strage: Massimiliano Fachini, Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Sergio Picciafuoco, Roberto Rinani e Paolo Signorelli.
    • Conferma della condanna per banda armata: Gilberto Cavallini, Valerio Fioravanti, Egidio Giuliani e Francesca Mambro.
    • Condannati per calunnia aggravata (con pena ridotta da 10 a 3 anni) e assolti per associazione sovversiva: Giuseppe Belmonte e Pietro Musumeci. Assolti tutti gli altri imputati[15].
  • 12 febbraio 1992: le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione dichiarano che il processo d'appello dev'essere rifatto, in quanto la sentenza viene definita illogica e priva di fondamento, «tanto che in alcune parti i giudici hanno sostenuto tesi inverosimili che nemmeno la difesa aveva sostenuto»[10]. Dal processo escono definitivamente Marco Ballan, Fabio De Felice, Stefano Delle Chiaie, Maurizio Giorgi, Marcello Iannilli, Giovanni Melioli, Roberto Raho, Paolo Signorelli e Adriano Tilgher.
  • 11 ottobre 1993: inizio del secondo processo d'appello.
    • Imputati di strage: Massimiliano Fachini, Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Sergio Picciafuoco.
    • Imputati di banda armata: Gilberto Cavallini, Massimiliano Fachini, Valerio Fioravanti, Egidio Giuliani, Francesca Mambro, Sergio Picciafuoco e Roberto Rinani.
    • Imputati di calunnia aggravata al fine di assicurare l'impunità agli autori della strage: Giuseppe Belmonte, Licio Gelli, Pietro Musumeci e Francesco Pazienza[28].
  • 16 maggio 1994: sentenza.
    • Ergastolo per il delitto di strage: Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Sergio Picciafuoco. Assolto: Massimiliano Fachini.
    • Condannati per banda armata: Gilberto Cavallini, Valerio Fioravanti, Egidio Giuliani, Francesca Mambro e Sergio Picciafuoco. Assolti: Massimiliano Fachini e Roberto Rinani.
    • Condannati per calunnia aggravata al fine di assicurare l'impunità agli autori della strage: Giuseppe Belmonte, Licio Gelli, Pietro Musumeci e Francesco Pazienza[29].
  • 23 novembre 1995: la Corte di Cassazione conferma la sentenza d'appello, ordinando un nuovo processo per Sergio Picciafuoco[30].
  • 18 giugno 1996: la Corte d'appello di Firenze assolve Sergio Picciafuoco dall'accusa di strage e banda armata[31].
  • 15 aprile 1997: la Cassazione conferma l'assoluzione per Picciafuoco[31].

Lentamente e con fatica, attraverso una complicata e discussa vicenda giudiziaria, si giunse ad una sentenza definitiva della Cassazione il 23 novembre 1995. Furono condannati all'ergastolo, quali esecutori dell'attentato, i neofascisti dei NAR Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, che si sono sempre dichiarati innocenti (mentre hanno ammesso e rivendicato decine di altri omicidi, con l'eccezione di quello di Alessandro Caravillani, di cui la Mambro si dichiara innocente), mentre l'ex capo della P2 Licio Gelli, gli ufficiali del SISMI Pietro Musumeci e Giuseppe Belmonte, e il faccendiere Francesco Pazienza (collaboratore del SISMI) furono condannati per il depistaggio delle indagini.

Il 9 giugno 2000 la Corte d'assise di Bologna emise nuove condanne per depistaggio: 9 anni di reclusione per Massimo Carminati, estremista di destra, 4 anni e 6 mesi per Federigo Mannucci Benincasa, ex direttore del SISMI di Firenze, e Ivano Bongiovanni, delinquente comune legato alla destra extraparlamentare. Nel 2001 la Corte d'appello ha assolto Carminati e Mannucci Benincasa, dichiarando inammissibile l'appello di Bongiovanni[32]. Il 30 gennaio 2003 la Cassazione confermò le due assoluzioni.

L'ultimo imputato condannato come esecutore materiale è Luigi Ciavardini: dopo essere stato assolto dall'accusa di strage e condannato per banda armata[33], fu condannato a 30 anni in appello[34]. La Cassazione annullò la sentenza, ordinando un nuovo processo[35], e nel nuovo dibattimento furono confermati i 30 anni per strage[36]. L'11 aprile 2007 la Cassazione confermò la sentenza, rendendola definitiva[37]. Nonostante la condanna, anche Ciavardini ha continuato a dichiararsi innocente.

Nel 2017 viene rinviato a giudizio un altro ex NAR, Gilberto Cavallini, con l'accusa di concorso in strage[38].

Responsabilità civile e penalemodifica | modifica wikitesto

Responsabilità penalemodifica | modifica wikitesto

I due terroristi Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, neofascisti appartenenti ai NAR, sono stati riconosciuti definitivamente colpevoli – assieme a Luigi Ciavardini – per la bomba del 2 agosto 1980 che uccise 85 persone alla Stazione di Bologna[39].

Responsabilità civile e risarcimento dannimodifica | modifica wikitesto

Valerio Fioravanti e Francesca Mambro per la strage sono stati condannati in primo grado nel 2014 a risarcire, versandoli alla Presidenza del Consiglio e al Ministero dell'Interno, la cifra esatta di 2.134.274.007,02 euro, più gli interessi, dalla sentenza al saldo effettivo, e 22.500 euro di spese processuali[40].

Essendo tale risarcimento altissimo, è probabile che non lo pagheranno mai, non avendolo nella propria disponibilità finanziaria e risultando incapienti (cioè nullatenenti). Lo Stato potrà prelevare solo alcune centinaia di euro mensili dai loro stipendi, percepiti come dipendenti precari[41].

Testimonianzemodifica | modifica wikitesto

L'arresto di Luigi Ciavardini.

L'incriminazione e la condanna dei tre esecutori neofascisti si basò principalmente sulla testimonianza del criminale comune Massimo Sparti e del militante di destra Luigi Vettore Presilio, entrambi ex simpatizzanti del gruppo terroristico di estrema destra Ordine Nuovo (Sparti fu vicino anche alla Banda della Magliana, per la quale compì numerosi reati).

Vi furono poi collaboratori di giustizia che riportarono affermazioni – allusive alla strage – di Fioravanti e di Ciavardini, ad esempio quella in cui quest'ultimo consigliava ad un'amica di non prendere il treno il 2 agosto.

Di seguito, le principali prove testimoniali.

Sparti e il vestito «tirolese»modifica | modifica wikitesto

Massimo Sparti riferì di aver ricevuto una visita della coppia Mambro-Fioravanti il 4 agosto, due giorni dopo la strage. In quell'occasione, Fioravanti avrebbe fatto anche una battuta sulla bomba («Hai visto che botto?»). I due volevano procurarsi, tramite lo stesso Sparti, un documento falso per la Mambro.

Quest'ultima temeva, in quanto erano già ricercati per numerosi omicidi, di essere riconosciuta in qualche posto di blocco e si era perciò tinta i capelli (secondo quanto dedotto da Sparti). Fioravanti avrebbe aggiunto di non essere preoccupato per sé in quanto a Bologna si era camuffato da turista tedesco, con il tipico «vestito di cuoio ed il cappello con la piuma» (questa frase non compare in tutti i documenti), e che dovevano andare a nascondersi in Sicilia[42][43]. La testimonianza è stata interpretata sia nel senso che Fioravanti indossasse un costume tirolese, sia che fosse vestito in un modo che ricordasse l'abbigliamento dei turisti tedeschi[43].

Valerio Fioravanti a processo nel 1982.

Inoltre i presunti alibi, dichiarati dai tre – che affermavano di essere insieme il 2 agosto, ma a Padova, per incontrare Gilberto Cavallini, che a sua volta doveva vedersi con Carlo Digilio di Ordine Nuovo (poi diventato collaboratore di giustizia nell'inchiesta sulla strage di piazza Fontana – non furono confermati, né da Digilio né da Cavallini[44][45]. Una testimone ha affermato di aver visto una coppia vestita stranamente, una donna e un uomo, quest'ultimo vestito con un costume che ricordava un tipico vestito tedesco, alla stazione di Bologna, fatto collimante con il racconto di Sparti: li vide poi parlare con una terza persona e andare via dieci minuti prima dello scoppio. La testimone afferma di aver collegato i fatti una volta letto il resoconto delle indagini in cui Fioravanti sembrava essere l'uomo della stazione. Più tardi, dopo aver parlato con Paolo Bolognesi, affermò, anche se con incertezza, che la donna poteva essere Francesca Mambro, ma non fu convocata fra i testimoni del processo, fatto che avrebbe aggravato forse ulteriormente la posizione degli accusati[46].

Massimo Sparti, alcuni anni dopo, tentò di ritrattare la testimonianza, ma non fu creduto[1][14]. Il figlio riferì di una confessione di suo padre in punto di morte, in cui gli fu detto di essere stato costretto ad inventare la storia.

Il figlio di Sparti e la moglie affermarono che l'uomo era con loro e non si incontrò con nessuno la sera del 2 agosto né il giorno seguente, e nemmeno il pomeriggio del 4. Anche un amico di Sparti, Fausto De Vecchi, arrestato con lui, affermerà la versione del testimone, ma poi smentirà e cadrà in contraddizione. Le testimonianze saranno considerate però attendibili[47][48].

Sparti in particolare non conosceva la Mambro, ma affermò che si era tinta i capelli: dopo un'indecisione iniziale affermò di aver osservato la ricrescita dei capelli e aver pensato di conseguenza. La polizia scientifica prelevò una ciocca di capelli dalla Mambro dopo l'arresto, ma non trovò tracce di tintura (che solitamente rimangono in residuo anche dopo anni). Inoltre, a parte la testimone non citata in giudizio, sfilarono in aula molti sopravvissuti e nessuno ricordò costumi da tirolese alla stazione, né riconobbe i due neofascisti Mambro e Fioravanti. Nella sentenza si riconoscerà l'affidabilità di Sparti, e la veridicità delle sue accuse[47].

Documento di Carlo Battagliamodifica | modifica wikitesto

Il 10 settembre 1980 venne sequestrato all'ordinovista Carlo Battaglia un documento in cui si parlava di «arrivare al punto che non solo gli aerei, ma le navi e i treni e le strade siano insicuri: bisogna ripristinare il terrore... Al di fuori di noi, con le nostre idee ci sono milioni di uomini, essi ci aspettano. Diamo un segno inequivocabile della nostra presenza... Occorre un'esplosione da cui non escano che fantasmi»[49].

Le dichiarazioni di Luigi Vettore Presiliomodifica | modifica wikitesto

La testimonianza di Sparti non era l'unica che contribuiva a indirizzare i magistrati verso l'eversione neofascista: nella sentenza del 1994 venivano elencati numerosi fatti e documenti che provavano come nell'ambiente del terrorismo di destra si sapesse già da tempo, prima del 2 agosto, del progetto di strage. Il 10 luglio 1980, nel carcere di Padova, il detenuto neofascista Luigi Vettore Presilio aveva rilasciato una dichiarazione al giudice istruttore, in cui si alludeva a un «evento straordinario» previsto per i primi di agosto, che «avrebbe riempito le pagine dei giornali». Presilio dichiarò di aver ricevuto la confidenza dal compagno di prigionia Roberto Rinani.

Dopo che le dichiarazioni di Presilio furono rese pubbliche (a strage avvenuta), fu accoltellato in carcere da persone incappucciate, nel novembre 1980[50]. Dichiarò poi agli inquirenti di essere convinto che l'aggressione fosse dovuta alle sue rivelazioni, che erano state pubblicate dal settimanale L'Espresso dopo la strage.

Conversazione Nicoletti-Bonazzimodifica | modifica wikitesto

La strage fu di proporzioni superiori a quelle forse volute dagli stessi neofascisti organizzatori: due poliziotti penitenziari asserirono di aver ascoltato una conversazione tra due neofascisti, Stefano Nicoletti (che confermò) ed Edgardo Bonazzi, i quali affermavano che questo era quello che accadeva ad «affidarsi a dei ragazzini» (per la sentenza è un riferimento alla giovane età di Mambro, Fioravanti e soprattutto del diciassettenne Ciavardini)[51].

Massimiliano Fachinimodifica | modifica wikitesto

Stando a una testimonianza del neofascista Mauro Ansaldi, l'esponente di Ordine Nuovo Massimiliano Fachini, condannato in primo grado e poi assolto, era anch'egli a conoscenza del progetto dell'attentato. Ansaldi riferì di aver saputo da Mara «Jeanne» Cogolli (la redattrice della rivista clandestina Quex) di un incontro, avvenuto pochi giorni prima della strage, tra la Cogolli stessa e Fachini. Quest'ultimo le avrebbe consigliato di lasciare Bologna perché stava per succedere qualcosa di grosso.

Effettivamente Mara «Jeanne» Cogolli partì da Bologna all'alba di sabato 2 agosto, in compagnia dell'amico Mario Guido Naldi[52].

Il documento di Mario Tutimodifica | modifica wikitesto

Il 31 agosto 1980 le forze dell'ordine ritrovarono in una cabina telefonica di Bologna un documento con l'intestazione «Da Tuti a Mario Guido Naldi». Mario Tuti era un altro estremista che dal carcere spediva articoli al Naldi per la rivista Quex. Il contenuto del documento fu visto dai magistrati come un incoraggiamento al terrorismo stragista[53]:

« L'Italia è per noi il campo di battaglia d'elezione per la lotta contro l'internazionale pluto-marxista [...]. Per cercare di raggiungere questo obiettivo, è necessario disarticolare il Sistema. Le nostre azioni, quindi, dovranno prender di mira le strutture, i mezzi, gli uomini del regime, colpendo a tutti i livelli e non risparmiando alcun settore [...]. Il terrorismo sia indiscriminato che contro obiettivi ben individuati, e il suo potenziale offensivo (è stato definito l'aereo di bombardamento del popolo!) può essere indicato per scatenare l'offensiva contro le forze del regime da parte dei gruppi militanti [...]. Il cecchinaggio [...], pur valido da un punto di vista tattico, non è di per sé sufficiente a mettere in crisi le istituzioni, e per questo dovrà essere affiancato, da un punto di vista strategico, a metodi di lotta di più ampia portata e di maggior coinvolgimento [...]. »

Mario Guido Naldimodifica | modifica wikitesto

Lo stesso Naldi, che si era allontanato da Bologna all'alba del 2 agosto, fu raggiunto in Sardegna il 19 agosto 1980 da un agente di P.S.

Interrogato in merito alla strage, dichiarò che la sua partenza del 2 agosto era stata una coincidenza banale e plausibile. Poi aggiunse, pur senza indicare alcun nome dei presunti responsabili, che «l'esplosione di Bologna, sono convintissimo, è una provocazione contro Quex. Ritengo che la matrice dell'attentato è senza dubbio di destra e rientra nella faida interna dei vari movimenti di estrema destra. Gli attentatori vengono da fuori Bologna, quasi certamente da Roma, oserei dire dalle organizzazioni Ordine Nuovo e Avanguardia Nazionale[54].

Naldi si riferiva a ex appartenenti delle due organizzazioni, entrambe ufficialmente sciolte all'inizio degli anni settanta. Aggiunse poi di essere stato contattato da Roma nei mesi precedenti, per aprire una sezione dei Nuclei Armati Rivoluzionari a Bologna.

Le dichiarazioni di Naldi indirizzarono verso la pista nera e contribuirono agli arresti del 26 agosto 1980.

Dichiarazioni di Vincenzo Vinciguerra sul neofascismo e su Usticamodifica | modifica wikitesto

Nel 1984, Vincenzo Vinciguerra, terrorista neofascista di Ordine Nuovo e poi di Avanguardia Nazionale (il gruppo diretto da Stefano Delle Chiaie, già coinvolto nelle indagini sulla strategia delle tensione e attivo nel golpismo della CIA in America latina)[44], condannato e reo confesso per la strage di Peteano in cui vennero uccisi tre carabinieri, ha inoltre reso dichiarazioni spontanee ai magistrati (non motivate dall'avere sconti di pena come quelle dei collaboratori di giustizia) sui coinvolgimenti dell'estrema destra nella strategia della tensione e, riguardo a Bologna, ha fatto riferimento alla struttura clandestina anticomunista della NATO in Italia, nota poi come Gladio, e ai suoi settori deviati: queste allusioni e rivelazioni furono da lui ripetute in varie interviste successive. Ha inoltre paragonato la dinamica a quella di due tentate stragi, fallite: quella del 28 agosto 1970 alla stazione di Verona e quella di Milano del 30 luglio 1980. Ha poi affermato la colpevolezza di Mambro e Fioravanti nella strage del 2 agosto (e quindi il fatto che anche i NAR furono spinti a partecipare alla strategia della tensione, come era accaduto agli altri gruppi di estrema destra, in cambio di protezione), e che, a suo parere, avrebbero avuto coperture politiche anche da parte del MSI e dei suoi eredi diretti. Queste pressioni – di persone che poi avrebbero avuto importanti ruoli governativi e amministrativi negli anni novanta e duemila – attribuì, sempre secondo il suo personale parere, i benefici di legge a loro concessi, nonostante i numerosi ergastoli comminati. Vinciguerra non sarà testimone diretto nel processo di Bologna[55][56][57][58].

Vinciguerra, arrestato nel 1979, sta scontando l'ergastolo nel carcere di Opera: non ha ricevuto gli sconti di pena possibili dopo 26 anni né ha mai avuto lo status di collaboratore di giustizia, ma è diventato uno dei più convinti accusatori dei neofascisti nella strategia della tensione. Egli sostiene, come molti altri, che Bologna fu un tentativo di depistaggio per i fatti di Ustica e si definisce «fascista» anziché «neofascista» per marcare la differenza, sostenendo che le stragi non sono fasciste ma «di Stato» e «atlantiche» (nonostante l'accertata manovalanza di estrema destra, gli obiettivi non erano prettamente ideologici).

Vinciguerra ha affermato[59]:

« Il 28 giugno 1980, con una telefonata al “Corriere della sera”, utilizzando la sigla dei Nar e il nome di un confidente di Questura, Marco Affatigato, si avvia il primo depistaggio, quello che pretende che il Dc-9 Itavia sia esploso per la deflagrazione al suo interno di una bomba trasportata dal “terrorista” dei Nar. (...) Le stragi italiane non sono un mistero e, soprattutto, non sono ideologicamente definibili come “fasciste”. Portella della Ginestra, affidata al mafioso Salvatore Giuliano, è riferibile a settori della Democrazia cristiana, Partito liberale e monarchici; quella di piazza Fontana doveva servire, insieme ai sanguinosi incidenti che sarebbero seguiti alla manifestazione indetta dal Msi a Roma il 14 dicembre 1969, a far proclamare dal governo presieduto da Mariano Rumor lo stato di emergenza; la strage compiuta dal confidente del Sid Gianfranco Bertoli il 17 maggio 1973, a Milano, aveva come obiettivo il “traditore” Mariano Rumor; quelle di Brescia (28 maggio 1974), dell'Italicus (4 agosto 1974) e di Savona (20 novembre 1974)[60] sono derivate dallo scontro durissimo e feroce all'interno dell'anticomunismo italiano ed internazionale. La strage di Ustica, impossibile da spiegare all'opinione pubblica perché un aereo civile delle dimensioni di un Dc-9 non si può confondere con un minuscolo caccia militare, era in grado di destabilizzare sia l'ordine pubblico che quello politico. Indirizzare lo sdegno della popolazione nei confronti dello “stragismo fascista” è stato il modo, ritenuto più idoneo, per neutralizzare il pericolo. [...] La strage di Bologna, spostando l'attenzione pubblica sullo “stragismo fascista”, ha consentito di guadagnare tempo, di far lavorare in relativa tranquillità i depistatori militari ed i giudici romani chiamati a paralizzare le indagini sull'abbattimento del Dc-9 ad Ustica, ha avvalorato infine la tesi della bomba che, non a caso, è quella che ha retto per più tempo in contrapposizione a quella del missile. »
(Vincenzo Vinciguerra.)

Nel 1991 un documento cercò di attribuire la strage del 2 agosto ai «gladiatori»: il testo, datato 19 maggio 1982, era catalogato con un semplice «numero 18», riferiva che l'esplosivo usato proveniva da un deposito di Gladio, e apparivano le firme di Paolo Inzerilli (capo di stato maggiore del SISMI nel 1991) e dell'ammiraglio Fulvio Martini. In seguito si scoprì che il documento era falso, scritto su carta intestata dei servizi segreti e arrivato per vie anonime, poiché nel 1982 Martini non era ancora arrivato ai vertici del controspionaggio militare (era vicesegretario generale della Difesa), mentre Inzerilli non poteva siglare i documenti in quanto era direttore di divisione del SISMI. Un'altra incongruenza riguardava l'uso del materiale esplosivo per Bologna, poiché quello di Gladio era stato ritirato completamente nel 1972[61].

Angelo Izzo e l'accusa a Ciavardinimodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Luigi Ciavardini § La strage di Bologna.

Un altro testimone dei processi, decisivo in particolare per la condanna di Ciavardini, fu il criminale comune e militante neofascista Angelo Izzo (soprannominato il «mostro del Circeo», per un efferato massacro compiuto contro due donne nel 1975, assieme ai suoi complici Andrea Ghira e Gianni Guido), autore di tre omicidi (due compiuti negli anni duemila, dopo la sua prima scarcerazione dopo la pena per i precedenti atti delittuosi) e ripetuta violenza sessuale, che ha reso numerose e controverse testimonianze sugli anni di piombo, talvolta false[62].

Il pluriomicida accusò anche Stefano Delle Chiaie (accusato anche da Vinciguerra), che però è stato assolto, come già avvenuto in altre occasioni in cui il leader di Avanguardia Nazionale venne imputato[63].

Angelo Izzo e Raffaella Furiozzi riferirono di confidenze, accusando Fioravanti, Mambro, Ciavardini ma anche Nanni De Angelis e Massimiliano Taddeini: gli ultimi due avevano un alibi solido, visto che proprio quel giorno si trovavano a Terni per disputare la prima finale nazionale di football americano, ripresi dalle telecamere Rai e alla presenza di circa 2.000 spettatori presenti sugli spalti. Ciavardini affermò invece di essere con Mambro e Fioravanti a Padova, e in base a questo (ritenendo non valido il loro alibi) rinviato a giudizio e condannato.

Rapporti tra servizi segreti, neofascismo e crimine organizzatomodifica | modifica wikitesto

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Presunti rapporti tra servizi segreti italiani e criminalità.
Stefano Delle Chiaie, il leader dell'estrema destra accusato per molti fatti legati agli anni di piombo, oltre che per l'Operazione Condor dove collaborò con Augusto Pinochet, Michael Townley e Klaus Barbie, è stato sempre assolto.

A metà luglio del 1980, il colonnello Amos Spiazzi, già coinvolto nel golpe Borghese e nella Rosa dei venti, poi incarcerato, fu incaricato dal SISDE per indagare sulla riorganizzazione dei gruppi eversivi di estrema destra. Spiazzi andò a Roma per incontrare un «informatore» neofascista appartenente a Terza Posizione, Francesco Mangiameli detto «Ciccio». Mangiameli avrebbe raccontato a Spiazzi dell'omicidio di Mario Amato e di un progetto per assassinare il giudice che indagò su piazza Fontana, Giancarlo Stiz. Mangiameli affermò di essere stato incaricato da Stefano Delle Chiaie – che poi verrà accusato dai depistatori (o meglio, saranno due uomini legati al suo gruppo internazionale le vittime del depistaggio, Delle Chiaie sarà assolto, come per le altre stragi) – di reperire armi ed esplosivo ad ogni costo, e affermò che per i primi di agosto era previsto un attentato di enormi proporzioni, come si era detto già da parte di detenuti neofascisti. Il colonnello Spiazzi rilasciò il 31 luglio 1980, come dimostrato dal timbro di protocollo, un rapporto dettagliato alla direzione del SISDE su quanto riferitogli da Mangiameli e ne parlò poi, in un'intervista pubblicata dopo il 2 agosto, anche con il settimanale L'Espresso, non rivelando il nome dell'informatore, ma solo il soprannome «Ciccio»[64].

Il 9 settembre del 1980, Francesca Mambro, Valerio e Cristiano Fioravanti (secondo la testimonianza resa da quest'ultimo), con Giorgio Vale e Dario Mariani, uccisero Mangiameli e gettarono il corpo zavorrato in un bacino artificiale[10]. Spiazzi sarà ancora arrestato, ma uscirà dalle inchieste nel 1989. Non sarà interrogato sul ruolo dei servizi segreti a Bologna, sempre che ne sapesse qualcosa[65]. Un comunicato di Terza Posizione, che in quel periodo aveva rotto i rapporti con i NAR, definì Mangiameli come l'ultima e ulteriore vittima della strage[49].

Spiazzi, il 2 luglio 1980 e poi il 2 agosto, annotò nei suoi appunti due frasi simili; il giorno della strage infatti scrisse: «andato ore 10.30» (l'ora dell'esplosione era quella delle 10:25) e «ritirato pacco»[66].

Il depistaggio di Gelli invece non avrebbe dovuto coinvolgere Delle Chiaie in prima persona o deviare dalla pista neofascista, ma fabbricare due colpevoli stranieri, personaggi minori legati al vecchio del gruppo di Avanguardia Nazionale. Gelli e Delle Chiaie erano amici e frequentavano alcune logge massoniche deviate e la criminalità organizzata[67]. Gelli incontrò Elio Cioppa del SISDE, dicendo che stavano sbagliando e indicando una pista internazionale[10].

Per quanto riguarda la criminalità comune, la Banda della Magliana partecipò ai depistaggi con la P2, ed ebbe rapporti con i servizi segreti e con l'eversione nera[68].

Il faccendiere romano Gennaro Mokbel, vicino alla banda e alla 'ndrangheta, alla massoneria deviata e al neofascismo (oltre che conoscente di numerosi importanti uomini politici, tra cui Marcello Dell'Utri)[69], affermò in un'intercettazione del 2010 di aver pagato 1.200.000 euro per far uscire di prigione Francesca Mambro e Valerio Fioravanti.

Mokbel ebbe numerosi contatti telefonici, anche successivi alla loro scarcerazione, con i due ex terroristi[70].

C'è chi ha ipotizzato una connessione, che non esclude il resto, con la trattativa Stato-mafia, tramite infiltrazione o l'adesione di ex ordinovisti a Cosa nostra (secondo quando affermato dal magistrato Antonio Ingroia), un filo che porta dalla strage mafiosa a sfondo politico di Portella della Ginestra (1º maggio 1947) al Rapido 904 e le varie bombe del 1992-1993, come parte di una continuazione di una cospirazione o disegno affaristico-politico-mafioso, che spinse Salvatore Riina e gli altri boss alla guerra diretta contro lo Stato[71][72][73].

La ricostruzione dei giudici sul terrorismo neromodifica | modifica wikitesto

I giudici accoglieranno nei fatti il «teorema Amato» – pur arrivando a condannare solo esecutori e depistatori – dal nome del giudice assassinato. Stabilirono che i NAR erano sfruttati e manovrati da altri neofascisti più esperti, e che lo «spontaneismo» fosse una copertura, mentre la direzione del terrorismo nero fosse ancora nelle mani dei vecchi ordinovisti e dei membri di Avanguardia Nazionale[74][75][76].

I possibili moventi della stragemodifica | modifica wikitesto

Oltre alle cosiddette trame della strategia della tensione, c'è chi indica come movente la ritorsione degli ambienti dell'estrema destra.

Infatti, due giorni prima della strage era stato rinviato a giudizio Mario Tuti, con altri militanti di Ordine Nero, per la strage dell'Italicus, uno degli atti intimidatori e destabilizzanti seguiti a piazza Fontana e piazza della Loggia. Due giorni dopo il 2 agosto, inoltre, ricorreva proprio il sesto anniversario della strage di San Benedetto Val di Sambro[15].

Prima della strage i NAR organizzarono molte azioni punitive, come l'uccisione di Mario Amato – il sostituto procuratore che aveva fatto arrestare Pierluigi Concutelli di Ordine Nuovo per l'omicidio del giudice Vittorio Occorsio, e che stava scoprendo le connessioni dei neofascisti con la malavita romana organizzata – e Bologna sarebbe quindi legata all'Italicus, che doveva passare proprio per questa stazione[77].

Secondo altre persone, come Giovanni Pellegrino (senatore dei DS ed ex presidente della Commissione Stragi), il movente non sarebbe la strategia della tensione e la spinta verso una svolta a destra, ma altri contrasti di potere, che siano stati internazionali tra NATO e Patto di Varsavia, tra Israele e OLP, o tra Stati Uniti e Libia, con l'Italia in posizione ondivaga, che si trovò in mezzo a questa «guerra segreta»; sia interni, come minaccia per silenziare chi sapeva qualcosa sulle bombe del 1969-1974, ad esempio come faida interna alla P2. La stessa sentenza di condanna degli esecutori emessa della Cassazione afferma che, se essi sono accertati, il movente occulto è oscuro, così come i mandanti[7][78].

Pellegrino, nell'intervista, dichiarò[78]:

« Tutto questo ha un senso nell'Italia del 1969: c'erano il movimento studentesco, lautunno caldo, Giuseppe Saragat al Quirinale, il governo debole di Mariano Rumor. Mentre questo movente non ha alcun senso nel 1980: quando siamo nell'Italia del Preambolo, del riflusso e del post-fordismo. Con Sandro Pertini al Quirinale. Sarebbe bastato al Presidente affacciarsi al balcone con la pipa in bocca per far insorgere l'Italia intera in sua difesa. E questo non sarebbe successo per Saragat. »
(Giovanni Pellegrino.)

Anche chi sostiene nettamente la veridicità della sentenza ufficiale, afferma talvolta che, se i neofascisti dei NAR collocarono l'esplosivo militare in nome dello «spontaneismo armato» e della loro ideologia, furono spinti da qualcuno più in alto (il che spiegherebbe la mancata rivendicazione), e la P2 e lo stesso SISMI depistarono (ai danni di un altro neofascista, Stefano Delle Chiaie) per motivi poco chiari[1]. C'è chi ipotizza anche che la bomba fu un'azione diversiva per sviare l'attenzione da alcuni scandali del periodo: il crack finanziario del Banco Ambrosiano, la bancarotta e la caduta del faccendiere Michele Sindona[1] (colluso con la mafia e la P2, e, secondo Luigi Cipriani, deputato di Democrazia Proletaria, anche finanziatore della strategia della tensione fino al 1974)[79], l'affacciarsi degli attacchi di Cosa nostra contro lo Stato[80] e le indagini che avrebbero condotto agli elenchi dei piduisti, ritrovati a Castiglion Fibocchi: tutti casi in cui venne coinvolta la loggia diretta da Gelli, il cui scopo era l'instaurazione di una Repubblica presidenziale bipartitica, con tratti di autoritarismo e controllo dei mass media, mascherata da intenti «liberali» e «anticomunisti»[81].

Altre piste legano la strage anche alla criminalità organizzata connivente col terrorismo nero, come la banda della Magliana.

L'ipotesi del «diversivo» per Usticamodifica | modifica wikitesto

Un'altra ipotesi fu che Bologna servì ad avvalorare la tesi, poi totalmente invalidata, della bomba a bordo del DC-9 Itavia distrutto nella strage di Ustica, oltre a distrarre da Ustica stessa e sviare dalle responsabilità della prima strage (questa pista è nata dalle citate rivelazioni di Vinciguerra, il primo che parlò di un collegamento diretto con Ustica). Questo sarebbe stato fatto per coprire la responsabilità della NATO, le cui forze, forse caccia inglesi e francesi col colpevole disinteresse o assenso del governo italiano, avrebbero lanciato un missile per tentare di colpire il jet privato del leader libico Gheddafi (che si trovava in volo sul Mediterraneo), centrando invece l'aereo civile italiano e un caccia libico ritrovato in Calabria. Secondo questa pista, la bomba di Bologna doveva quindi accreditare la tesi della «bomba di Ustica», riproposta molte volte negli anni[82], ad esempio da Carlo Giovanardi (ma anche da Paolo Guzzanti) e molto gradita – a livello teorico – dai diplomatici statunitensi[83].

I resti dell'aereo DC-9 al museo per la memoria di Ustica.

Luigi Cipriani fu un forte sostenitore della tesi «atlantica», in contrapposizione alla pista neofascista, e accusò la massoneria deviata di seguire ordini e progetti anticomunisti dell'amministrazione Nixon e di Henry Kissinger, tramite la mediazione delle logge statunitensi[79].

Per Cipriani le logge americane e inglesi avrebbero forzato il Grande Oriente d'Italia, tradizionalmente democratico, facendone convergere gli obiettivi con quelli della Gran loggia regolare d'Italia, di ispirazione conservatrice, e con elementi reazionari della Gran Loggia d'Italia degli Alam: da ciò sarebbe derivata anche l'ascesa di Gelli nella P2. Il politico di Democrazia Proletaria dichiarò inoltre, alla Commissione Stragi, e per il decimo anniversario della strage[84]:

« Quella di Bologna rispetto alle precedenti fu una strage anomala, perché avvenne in una situazione politica ampiamente stabilizzata, tale da tranquillizzare gli alleati del nostro paese; perciò la strage assume la caratteristica di un tentativo di cancellare dalla città, dall'attenzione della stampa, dal dibattito politico, dall'opera dei magistrati la strage di Ustica. Perché proprio Bologna è presto detto. Innanzitutto perché a Bologna risiedevano gran parte dei familiari delle vittime di Ustica, che dovevano essere zittiti con una strage di enormi proporzioni in città. In secondo luogo perché il Sismi poteva contare sull'appoggio di importanti magistrati alla Procura della repubblica. Infine, la interpretazione in chiave politica, di attacco alla roccaforte del Pci, sarebbe essa stessa stata un depistaggio sui reali obiettivi, scaricando sulla manovalanza fascista, ampiamente infiltrata dal Sismi, le responsabilità. Come era facilmente prevedibile, il Pci abboccò immediatamente all'amo della strage fascista per colpire le istituzioni democratiche. Ovviamente gli appelli a fare quadrato attorno alle istituzioni contro gli attacchi della destra si sprecarono, tutto il dibattito politico, l'informazione, la magistratura, i servizi vennero impegnati su questo fronte e Ustica cadde nell'oblio. »
(Luigi Cipriani.)

E ancora[85]:

« Signor Presidente, da quella lapide dobbiamo togliere le parole "strage fascista", perché ciò è riduttivo e fa parte del depistaggio operato sulla strage di Bologna, diversa dalle altre stragi e che ha molto più a che fare con Ustica e con i rapporti tra Italia, Francia, Stati Uniti, i servizi occidentali e le strutture segrete. Dire che sono stati Fioravanti e compagni è stato un depistaggio: su quella lapide bisogna scrivere "strage di stato"! »
(Luigi Cipriani, discorso parlamentare per il decimo anniversario della strage, 2 agosto 1990.)

Indagine sulla pista arabo-mediorientalemodifica | modifica wikitesto

I due terroristi tedeschi di estrema sinistra Thomas Kram e Christa Margot Frohlich, membri delle Revolutionäre Zellen, legati secondo alcuni al gruppo di «Carlos» e al FPLP, furono iscritti nel registro degli indagati nel 2011 dalla Procura di Bologna. Nel 2015 il giudice per le indagini preliminari Bruno Giangiacomo, su richiesta del PM, ha archiviato la pratica, prosciogliendoli con sentenza di non luogo a procedere[86].

La ricerca dei mandantimodifica | modifica wikitesto

L'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 ha sempre sostenuto che, come in altre stragi analoghe, chi posizionò la bomba era solo un esecutore di ignoti mandanti. Il presidente dell'Associazione, Paolo Bolognesi, ha affermato che essi vanno cercati nelle istituzioni dell'epoca e in gruppi come la P2[7]. Afferma, inoltre, che Licio Gelli diede 10 milioni di dollari a persone dei servizi segreti e ad appartenenti all'organizzazione Gladio, prima e dopo il 2 agosto 1980[87].

L'Associazione dei familiari delle vittime ha sempre respinto le piste estere – sia di estrema sinistra e arabe, sia quelle che coinvolgono i servizi segreti dei Paesi NATO – affermando che la strage fu ideata da mandanti italiani (persone che stavano «nel cuore delle istituzioni»), per mantenere il potere in maniera autoritaria[7].

Bolognesi afferma che Fioravanti e Mambro negano la strage (sia come effettivo attentato, sia come incidente o errore)[88], nonostante l'ammissione di tutti gli altri omicidi, perché troppo infamante e diversa dagli obiettivi e dal messaggio di lotta armata contro lo Stato (a differenza dello stragismo del vecchio neofascismo) che i NAR volevano rappresentare, quando cominciarono la loro attività[89].

I NAR avrebbero collaborato non per motivi ideologici (come avevano fatto le precedenti organizzazioni armate di estrema destra), ma perché ricompensati con una contropartita, in collusione con la criminalità organizzata e le strutture segrete deviate, della quale avrebbero agito come semplice sicari e ultimo anello della catena[90].

Lo stesso Bolognesi ha scritto, con Roberto Scardova, il libro Stragi e mandanti. Sono veramente ignoti gli ispiratori dell'eccidio del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna? (uscito nel 2012) in cui è stata ipotizzata un'unica strategia anticomunista internazionale, attuata in Grecia con la dittatura dei colonnelli, in Italia con la strategia della tensione, comprendente falsi golpe di avvertimento e reali stragi, di cui Bologna fu il culmine, e in America Latina con i colpi di Stato (Cile, dittatura argentina) dell'operazione Condor, con mandanti originari uomini dei servizi segreti anglo-americani, importanti politici italiani e stranieri. La strategia della tensione sarebbe partita da prima della fine della seconda guerra mondiale con la costituzione, in ambito fascista, della struttura parastatale denominata Noto servizio o «Anello», il cui capo durante la Repubblica, secondo quanto detto anche da Licio Gelli, sarebbe stato Giulio Andreotti. Lo stragismo avrebbe quindi da sempre usato manovalanza neofascista, neonazista, criminali comuni e mafiosi e avrebbe goduto di finanziamenti esterni provenienti dall'estero (sia dalla NATO, sia dal petrolio della Libia di Gheddafi, in affari segreti con i governi di Andreotti e con l'Eni di Eugenio Cefis) e da faccendieri italiani[91].

Dopo la morte di Licio Gelli, nel 2015, Paolo Bolognesi ha ribadito la sua convinzione che l'ex capo della P2 fosse il mandante e l'organizzatore della strage, in vista di un nuovo tentativo di golpe previsto secondo lui nel 1981[38], depositando un esposto in Procura già nel 2012[92].

Nel 2017 la Procura di Bologna ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sui mandanti, in quanto non esisterebbero evidenze che legano gli esponenti della P2 Licio Gelli, Umberto Ortolani (entrambi deceduti) e suo figlio Mario, né l'organizzazione Gladio, alla pianificazione o finanziamento della strage come sostenuto nella denuncia, e non si può escludere che i NAR abbiano agito da soli, in nome del loro «spontaneismo armato» neofascista che li avrebbe spinti a rifiutare ogni collaborazione con forze da loro ritenute borghesi e colluse col «sistema» che essi volevano combattere[38].

Ipotesi alternative alla sentenza giudiziariamodifica | modifica wikitesto

I primi soccorsi.

A causa del protrarsi negli anni delle vicende giudiziarie e dei numerosi comprovati depistaggi, intorno ai veri esecutori e ai mandanti dell'attentato si sono sempre sviluppate numerose ipotesi e strumentalizzazioni politiche divergenti dai fatti processuali che hanno portato alle condanne definitive dei tre esecutori materiali della strage.

I due punti chiave delle tesi di chi critica la versione ufficiale sono le stranezze del racconto di Sparti (il vestito «tirolese»): è stato fatto notare l'incongruenza e la stranezza che due ricercati usassero un travestimento così visibile e facile da notare – non c'erano comitive di turisti tedeschi e austriaci vestiti così in stazione – accusando che potesse essere una messa in scena per incastrare il neofascista Fioravanti, come venne fatto con l'anarchico Pietro Valpreda per la strage di piazza Fontana nel 1969) e il depistaggio verso la pista neofascista, che avrebbe avuto poco senso se la strage fosse stata davvero neofascista (la «tesi dell'impistaggio»)[93].

Nel maggio 2007 il figlio di Massimo Sparti (malvivente legato alla Banda della Magliana e principale accusatore di Fioravanti e Mambro) ha dichiarato: «Mio padre nella storia del processo di Bologna ha sempre mentito»[94].

Il terzo condannato, Luigi Ciavardini, venne invece accusato da Angelo Izzo, criminale pluriomicida noto come il «mostro del Circeo», spesso rivelatosi inattendibile[95].

Il 19 agosto 2011 la Procura di Bologna indagò su due terroristi tedeschi, Thomas Kram e Christa Margot Frohlich, entrambi legati al gruppo del terrorista «Carlos», i quali risulterebbero presenti a Bologna il giorno dell'attentato, seguendo così la pista del terrorismo palestinese e/o mediorientale, mai accettata dal presidente dell'Associazione famigliari vittime Paolo Bolognesi, e invece ripetutamente riproposta da Francesco Cossiga[96].

Anche persone appartenenti ad aree opposte rispetto all'estrema destra hanno espresso dei dubbi sulla verità emersa dalle indagini giudiziarie. Ad esempio, il giornalista Andrea Colombo, ex militante del movimento Potere Operaio, si espresse così riguardo alla sentenza sui tre neofascisti[97]:

« L'imitazione del terrorismo rosso, nelle intenzioni di Valerio Fioravanti, deve dimostrare a tutti che la nuova generazione del neofascismo è rivoluzionaria quanto e più dei comunisti. Altro che collusioni con golpe e stragi. Ma, come spesso accade, la realtà finisce per superare qualsiasi immaginazione: dopo aver cercato, in maniera criminale, di marcare la propria distanza dalla vecchia destra golpista e bombarola, Valerio, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini finiranno per essere gli unici terroristi condannati con sentenza definitiva per una strage nel nostro Paese. Per di più la strage più sanguinosa della storia repubblicana: quella alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. Certo, tutti e tre hanno sempre dichiarato, anzi urlato la propria innocenza. Senza dimenticare che i giudici che li hanno condannati non sono stati in grado di indicare né movente, né complici, né mandanti. E se a ciò aggiungiamo l'elemento appena emerso, e cioè che i Nar hanno cominciato a uccidere rappresentanti dello Stato per esplicitare la propria opposizione alla destra stragista, i conti di questa sentenza non tornano proprio per niente. »
(Andrea Colombo.)

Oltre a Francesco Cossiga, Giovanni Pellegrino e Andrea Colombo, esiste un movimento innocentista che afferma che Mambro, Fioravanti e Ciavardini non siano colpevoli della strage: in una sede romana dell'associazione di sinistra ARCI, nacque nel 1994 il comitato E se fossero innocenti?, ad opera di personalità politiche e culturali di estrazione diversa, tra cui Elio Vito[98], Liliana Cavani[98], Giovanni Negri[98], Marco Taradash[98], lo stesso Andrea Colombo[98], Giovanni Minoli[98], Sandro Curzi[98], Oliviero Toscani[98], Giampiero Mughini[99].

Dubbi (a vario titolo) sulla sentenza sono stati espressi da Marco Pannella[100], Sergio D'Elia, Luca Telese[101], Andrea Camilleri[102], Paolo Mieli, Furio Colombo, Marcello De Angelis, Rossana Rossanda, Luigi Manconi, Enzo Fragalà, Enzo Raisi, Ersilia Salvato, Luigi Cipriani, Ennio Remondino (giornalista che scoprì che la cartella clinica di Sparti era andata distrutta), Sandro Provvisionato, Adriano Sofri, Gabriele Adinolfi, Gianfranco Fini, Paolo Guzzanti, Daniele Capezzone, le ex terroriste delle BR Anna Laura Braghetti e Barbara Balzerani[103], Gianni Alemanno, Massimo Fini[104], Giovanni Spadolini, Ugo Volli[105], Giovanni De Luna[106], Deborah Fait[107], Fulvio Abbate[108], Magdi Allam[109], Sergio Zavoli[110], Francesco De Gregori[110], Liliana Cavani[110], e dal magistrato Rosario Priore[104][111].

Anche il terrorista comunista internazionale «Carlos», a volte accusato lui stesso, sostiene l'innocenza di Mambro e Fioravanti.

Lo stesso Fioravanti ha affermato[112]:

« A noi è andata di lusso. L'ho sempre detto e ringrazio i bolognesi perché hanno esagerato talmente tanto che alla fine veniamo chiamati a rendere conto solo di una cosa che non abbiamo fatto [la strage] e non di quelle che abbiamo commesso veramente [i numerosi omicidi commessi dai NAR], quindi veniamo perdonati per le cose che abbiamo fatto davvero perché nessuno in fondo ci pensa e discutiamo invece all'infinito di un'altra cosa, è un paradosso. »
(Valerio Fioravanti.)

L'ipotesi di Licio Gellimodifica | modifica wikitesto

Licio Gelli ha dichiarato di credere che la strage sia dovuta a un mozzicone di sigaretta che, cadendo accidentalmente su dell'esplosivo o in una caldaia, ne avrebbe causato l'esplosione[113].

Paolo Bolognesi ha affermato invece che la natura dell'esplosivo ritrovato, che è inerte se non azionato da un detonatore, rende del tutto inverosimile questa ipotesi[7].

Ipotesi della ritorsione della NATOmodifica | modifica wikitesto

Oltre al citato depistaggio su Ustica, forse ad opera dei servizi segreti, c'è chi ipotizza una ritorsione[82].

È da tenere in considerazione il fatto che, il 27 giugno 1980, da Bologna era partito l'aereo DC-9 Itavia volo IH870 per Palermo, che fu misteriosamente abbattuto al largo di Ustica provocando la morte di 81 persone. Le versioni ufficiali hanno sempre tenuto le due stragi separate, tanto che per l'opinione pubblica italiana i due fatti appaiono slegati da qualsiasi fattore o nesso comune. Esiste tuttavia, per alcuni, la possibilità che alcuni servizi segreti (CIA, Mossad) avessero provocato la strage di Bologna al fine di mettere sotto pressione il governo italiano e il suo filoarabismo (lodo Moro), in quanto considerato ambiguo e controproducente agli interessi atlantici. Tale filoarabismo dello Stato italiano avrebbe suggerito la protezione del colonnello Gheddafi nel presumibile attacco subito nei cieli di Ustica il 27 giugno di quella stessa estate.

Ciò spiegherebbe la copertura successiva e la deviazione delle indagini sulla strage da parte dello Stato italiano. Questa ipotesi deriva principalmente dalla tesi del terrorista «Carlos» e di alcuni suoi compagni di lotta[114].

La versione di «Carlos»modifica | modifica wikitesto

Dalla sua cella, a Parigi, «Carlos», pseudonimo del terrorista filopalestinese Ilich Ramírez Sánchez, affermò che «la commissione Mitrokhin cerca di falsificare la storia» e che «a Bologna a colpire furono CIA e Mossad», con l'intento di punire e ammonire l'Italia per i suoi rapporti di fiducia reciproca con l'OLP, che si era segretamente impegnato a non colpire l'Italia in cambio di una certa protezione[115].

«Carlos» ha poi cambiato più volte versione, affermando che il movente era distruggere un carico di armi destinate alla resistenza palestinese e dare la colpa a loro, poi dichiarando che il Mossad e la CIA non c'entrano, né c'entrano i neofascisti, ma la colpa è di Gladio e dei servizi segreti militari americani[116].

Teorie del complottomodifica | modifica wikitesto

In un allegato pubblicato in fascicoli del settimanale di destra L'Italia settimanale venne fornita una particolare ipotesi sulla strage, accomunandola alla strage di Ustica (fu definita letteralmente il «bis»): poi è stata paragonata al caso di Enrico Mattei e al caso Moro. Il testo prosegue con:

« L'Italia dalla nascita della prima Repubblica è stata, come tutti sanno, un paese a sovranità limitata [...] ora, nel momento in cui, per questioni contingenti [...] ha fatto - raramente - scelte che si sono rivelate in contrasto con le alleanze di cui vi dicevo, ha compiuto, detto in termini politico-mafioso-diplomatici, uno "sgarro". E come nella mafia quando un picciotto sbaglia finisce in qualche pilone di cemento o viene privato di qualche parente (in gergo si chiama "vendetta trasversale"). Così è fra gli Stati: quando qualche paese sbaglia, non gli si dichiara guerra; ma gli si manda un "avvertimento", sotto forma di bomba, che esplode in una piazza, su di un treno, su una nave, ecc ecc. »

Senza contestare le sentenze giudiziarie che hanno riconosciuto gli esecutori materiali, il testo vuole indicare alcuni possibili mandanti internazionali[117].

Antonino Arconte, militare ed ex agente segreto di Gladio con il numero G-71, ha affermato il collegamento tra Ustica e Bologna (in molti documenti che sono stati dichiarati «un falso» dal SISMI, sollecitato da Giulio Andreotti), sostenendo l'innocenza di Mambro e Fioravanti, definiti «capri espiatori» per persone coperte dal segreto di Stato[118].

Le sue rivelazioni sono state riprese da alcune pubblicazioni di ambiente eterodosso e accusato di complottismo, ma anche in relazione al caso Moro, come nel libro dell'ex magistrato Ferdinando Imposimato I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia[119].

La pista mediorientalemodifica | modifica wikitesto

Il gruppo di «Carlos» e la «pista palestinese» del FPLPmodifica | modifica wikitesto

Ilich Ramírez Sánchez detto «Carlos lo sciacallo».

Stando a quanto riportato dai media nel 2004, ripreso nel 2007[120] e ribadito poi nell'autobiografia La versione di K, Francesco Cossiga, in una lettera indirizzata a Enzo Fragalà – capogruppo di Alleanza Nazionale nella commissione Mitrokhin (che si occupava del noto archivio di documenti del KGB sovietico) assassinato nel 2010, il cui presidente, Paolo Guzzanti, si trovò poi d'accordo con le rivelazioni di Cossiga - ipotizzò un coinvolgimento palestinese (per mano del FPLP e del gruppo tedesco Separat di Ilich Ramírez Sánchez, noto come «comandante Carlos», venezuelano filopalestinese e insignito della cittadinanza onoraria di Palestina dal leader OLP Yasser Arafat, secondo le sue affermazioni) dietro l'attentato.

L'ipotesi dell'incidentemodifica | modifica wikitesto

Nel 2008 Francesco Cossiga, in un'intervista al Corriere della Sera, ribadì la sua convinzione secondo cui la strage non sarebbe da imputarsi al terrorismo neofascista, ma ad un incidente di gruppi della resistenza palestinese operanti in Italia: il Compound B (esplosivo al tritolo e T4) non può però detonare accidentalmente, e occorre comunque un innesco per le gelatine esplosive (seppur trattandosi di nitroglicerina, quindi più instabile), di cui la bomba era composta in parte maggiore. Allo stesso tempo si dichiarò convinto dell'innocenza di Francesca Mambro e Valerio Fioravanti[2].

Il lodo Moro e la possibile ritorsionemodifica | modifica wikitesto

Un'ipotesi nota riguarda il cosiddetto lodo Moro, del quale parla anche lo stesso Aldo Moro nel memoriale scritto durante la prigionia, riguardante un accordo segreto con la dirigenza palestinese, trattato dal colonnello del SISMI Stefano Giovannone. Tra il 1999 e il 2006, durante i lavori istruttori della Commissione Stragi (XIII legislatura) e poi della commissione d'inchiesta riguardante il dossier Mitrokhin e l'attività d'intelligence italiana (XIV legislatura) sono emersi elementi inediti sui collegamenti internazionali del terrorismo italiano e sulle reti dei servizi segreti dell'ex blocco sovietico e dei principali Paesi arabi come Siria, Libano, Libia, Yemen del Sud e Iraq, una rete di rapporti accennati anche, ad esempio, nel cosiddetto «olografo Senzani», un biglietto manoscritto ritrovato nei documenti delle BR[121].

L'ex capo brigatista Giovanni Senzani attribuirebbe, probabilmente secondo quanto riferito da Abu Ayad (vero nome Salah Mesbah Khalaf, un membro del gruppo terroristico Settembre Nero e dell'OLP), la strage (assieme all'attentato alla sinagoga di Parigi e quello alla SIOT di Trieste) alla regia del KGB, che tramite la STASI (polizia politica della Germania Est) finanziava il gruppo di «Carlos» e la causa palestinese del FPLP[121][122]:

« Il rapporto esiste, ma non è ufficiale nel senso che non verrà mai ammesso, punto 1 dell'accordo. [...] Il rapporto è ufficiale con AF al-Fatah, ed è possibile perché fra gli innumerevoli gruppi che si riconoscono in AF, uno ci appoggia (Quale? Paolo). Inoltre oggi c'è un III giocatore, peso della Europa in Medio O. Oriente, che oggi ha un certo controllo. C'è un asse Mitterrand – Kresky Kreisky per il controllo politico del Medio O. e la R. Russia tenta in ogni modo di far saltare questa politica europea. Gli ultimi attentati in Europa (Sinagoga, BO e Trieste (?)) possono essere letti in questa chiave internazionale. [...] (A. [forse Abu Ayad] pensa così) – Così ogni altro movimento in Europa di forze rivoluzionarie e servizi segreti può essere letto in questo modo – Andando avanti si vedranno altre dimostrazioni di ciò – altri attentati e dietro c'è sempre R. (e suoi collegati)... – A. aspetta. »

Grazie a queste informazioni è stato possibile riannodare i fili di una trama occultata per 25 anni e scoprire i punti nevralgici di uno dei segreti più sensibili della Repubblica: gli accordi con la dirigenza palestinese (il cosiddetto lodo Moro, che prevedeva nessun coinvolgimento diretto dell'Italia in attentati palestinesi in cambio di libero accesso al territorio da parte dei gruppi antisraeliani legati all'OLP: in più i Paesi arabi avrebbero garantito adeguato afflusso di petrolio per l'ENI); i retroscena del traffico di armi tra FPLP e Italia (e l'origine militare, occidentale o sovietica, dell'esplosivo usato a Bologna); le minacce al governo italiano per il sequestro dei missili di Ortona e l'arresto del capo dell'FPLP in Italia Abu Anzeh Saleh; i legami di Abu Anzeh Saleh con il terrorista internazionalista Ilich Ramírez Sánchez, detto «Carlos»; l'allarme dell'antiterrorismo italiano ai servizi segreti tre settimane prima della strage; il fallimento delle manovre della nostra intelligence per evitare l'azione ritorsiva; l'arrivo in Italia il 1º agosto 1980 del terrorista tedesco Thomas Kram legato al gruppo «Carlos» e ai palestinesi, e presente a Bologna il giorno della strage (poi rifugiatasi temporaneamente a Berlino Est il 5 agosto); possibile ritorsione per la rottura del lodo Moro. Il depistaggio del SISMI sarebbe stato atto a coprire gli accordi segreti italo-palestinesi. A fronte di queste sospetti, il 17 novembre 2005 la Procura bolognese ha aperto un procedimento contro ignoti (7823/2005 RG)[123].

Mino Pecorelli, giornalista assassinato nel 1979, parlò del lodo Moro commentando le parole dell'ex presidente democristiano in una lettera a Flaminio Piccoli, in cui Moro scrisse[124]:

« Dunque, non una, ma più volte, furono liberati con meccanismi vari palestinesi detenuti ed anche condannati, allo scopo di stornare gravi rappresaglie che sarebbero poi state poste in essere, se fosse continuata la detenzione. La minaccia era seria, credibile, anche se meno pienamente apprestata che nel caso nostro. Lo stato di necessità è in entrambi evidente. »
(Aldo Moro, lettera dal covo delle BR.)

Il lodo Moro sarebbe stato coperto dai depistaggi in altre situazioni, come nel caso dei giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni, scomparsi (probabilmente rapiti e poi assassinati dalla frangia OLP-FPLP di George Habbash) in Libano il 2 settembre 1980, mentre indagavano a Beirut sui legami tra servizi segreti, terrorismo e organizzazioni palestinesi[125].

Cossiga afferma che lo stesso Habbash gli mandò un telegramma dopo il sequestro dei missili di Ortona nella macchina di Daniele Pifano, leader di Autonomia Operaia, per avvisarlo che l'Italia stava rompendo l'accordo e violando i patti[126]. Il terrorismo arabo-palestinese si rese responsabile di due stragi sul territorio italiano, entrambe a Fiumicino: nel 1973 (prima della stipula dell'accordo) e nel 1985 (dopo la rottura).

Inoltre il 15 febbraio 1984, su richiesta dell'OLP con la quale i brigatisti collaboravano da anni, le BR-PCC uccisero a Roma Ray Leamon Hunt, il comandante in capo della Sinai Multinational Force and Observer Group, la forza militare multinazionale dell'ONU nel Sinai[15]: nel documento di rivendicazione viene affermata la necessità di un intervento antimperialista. Le FARL rivendicarono l'azione insieme alle BR-PCC. Il politologo Giorgio Galli indicò in Maurizio Folini («Corto Maltese») il tramite per cui le armi dell'OLP e di Mu'ammar Gheddafi giungevano alle BR, circostanza confermata dal terrorista in persona che utilizzava la sua barca da diporto per il trasporto del materiale bellico[127]. Si è anche scritto che le BR erano in contatto fin dal 1973 con l'OLP al fine di ricercare un trampolino di lancio sulla scena internazionale. La figura della terrorista palestinese Leila Khaled affascinava addirittura Mara Cagol[128].

«Carlos lo sciacallo» fu anche responsabile di alcune bombe in Francia, come rappresaglia per l'arresto della sua prima moglie e di altri militanti (il che non rende inverosimile la vendetta per il sequestro dei missili e l'arresto di Abu Anzeh Saleh), e che egli stesso, pur essendo condannato per undici omicidi, ha riconosciuto di aver causato più di 1.000 vittime, di cui 200 come «danni collaterali»: a differenza delle BR o dei NAR, che colpivano obiettivi precisi e rivendicavano il tutto, l'associazione Separat-FPLP non esitava nel colpire anche persone che erano, dal loro punto di vista, innocenti conclamati, pur di raggiungere l'obiettivo «rivoluzionario» (o per semplice ritorsione, come le bombe sui TGV francesi e l'attentato della stazione Saint-Charles di Marsiglia)[129].

Archiviazione del 2015modifica | modifica wikitesto

I magistrati titolari dell'indagine stavano andando già nel 2013-2014 verso l'archiviazione della pista tedesco-palestinese[87], cosa avvenuta, pur con qualche dubbio da parte della Procura sulla presenza di Kram e Frohlich a Bologna, nel febbraio 2015, che alimenta «un grumo di sospetto»[130].

Thomas Kram ha poi querelato l'ex giudice Priore, ma il GIP di Roma Pierluigi Balestrieri ha archiviato la denuncia per diffamazione poiché, a suo dire, la pista tedesca era basata su una «seria e attendibile piattaforma storiografica»[131].

Le ipotesi di Raisimodifica | modifica wikitesto

Enzo Raisi (parlamentare di AN, poi di Futuro e Libertà, che il 2 agosto stava per partire per il servizio militare proprio da Bologna ed era nei pressi della stazione quando scoppiò l'ordigno, evitando per pochi minuti di rimanerne possibile vittima)[132] nel libro Bomba o non bomba ha sostenuto che la bomba sarebbe stata destinata ad un obiettivo più simbolico per la causa palestinese, come accadde con le due stragi di Fiumicino (in cui si colpirono, tra le vittime, alcuni italo-israeliani): secondo Cossiga, per un errore (o cambio di programma) sarebbe stato fatto detonare durante il trasporto, mentre secondo l'archivio Mitrokhin Bologna sarebbe stata l'obiettivo fin da subito[133].

Nel libro si è ricostruita la possibile vicenda, seguendo la tesi innocentista sui NAR proposta da Cossiga e dai documenti del dossier Mitrokhin[134]: la bomba, ordinata dai palestinesi del FPLP (dalla frazione di George Habbash) e da «Carlos» del gruppo Separat, doveva esplodere in un obiettivo sensibile, con molte vittime israeliane o militari della NATO, oppure su un treno nei pressi di Roma[135].

Carlos ne incaricò Thomas Kram (la cui presenza è accertata da alcuni documenti in un albergo di Bologna quel giorno, nonostante lui neghi) e altri membri di Separat come Christa Margot Frohlich (che alloggiava all'Hotel Jolly di fronte alla stazione, e fu vista con una grossa valigia)[135][136] moglie del brigatista romano Sandro Padula, ma per un errore di impostazione del timer e dell'innesco, di comunicazione o un sabotaggio («Carlos» ha affermato che il carico di armi e tritolo era destinato alla resistenza palestinese, ma venne fatto esplodere appositamente dall'Organizzazione Gladio e dai servizi segreti della NATO)[137], esplose a Bologna (in alternativa per ritorsione alla rottura del lodo Moro)[135]; il portatore disattento della bomba non è stato identificato poiché il suo corpo sarebbe stato completamente disintegrato dall'improvvisa deflagrazione ravvicinata[135], e Kram fuggì immediatamente a Berlino Est, mettendosi sotto la protezione della Germania Est (ufficialmente andò ad un incontro con altri elementi del gruppo di estrema sinistra)[135]. I servizi segreti e Gladio incaricarono la P2 di dirigere il depistaggio che portasse alla pista del neofascismo, attribuendo l'attentato prima ad Avanguardia Nazionale, poi ai NAR. Lo stesso Cossiga puntò con decisione la pista neofascista, per poi abbandonarla molti anni dopo, quando la situazione si era calmata, poiché la priorità sarebbe stata innanzitutto di nascondere il lodo Moro, in quanto accordo segreto e illegale con l'OLP di Arafat, e salvare le apparenze[135].

Raisi ha anche sostenuto che l'assassinio della De Palo e di Toni in Libano faceva parte del depistaggio: l'omicidio sarebbe stato compiuto dal FPLP e dai servizi segreti italiani per coprire il secondo scandalo (dopo Ustica) che, nel giro di un mese, aveva messo in imbarazzo i servizi segreti militari, causando immani stragi di cittadini, tuttalpiù che Bologna nuoceva anche alla causa dei palestinesi stessi, in quanto città tradizionalmente di sinistra e filopalestinese[135].

Critichemodifica | modifica wikitesto
Mauro Di Vittorio, una delle vittime della strage.

Il coinvolgimento di altri agenti, invece, non è mai stato escluso, ma nemmeno provato. L'ipotesi dell'incidente, proposta con diverse varianti da Enzo Raisi, Francesco Cossiga e Licio Gelli, è smentita anche da considerazioni di pura logica:

  • È poco verosimile che una valigia piena di esplosivo, destinata a un altro obiettivo, venisse fatta transitare su un treno (tale infatti sarebbe la motivazione della presenza in stazione dell'ordigno), sebbene ci siano stati dei casi sospetti.
  • È ancora più inverosimile che un carico del genere venisse affidato a un «corriere» inconsapevole di ciò che stava trasportando.
  • Il luogo e il momento dell'esplosione non sembrano affatto casuali: la bomba fu collocata al centro del muro portante dell'ala Ovest, adiacente al marciapiede del primo binario, nel punto in cui il suo effetto sarebbe stato il massimo. Alla stessa intenzione di massimizzare gli effetti corrisponde il momento scelto per l'attentato: la mattina del primo sabato di agosto, in cui la stazione sarebbe stata più affollata che mai.
  • Inoltre il particolare esplosivo usato ha bisogno di un detonatore.
Le accuse a Mauro Di Vittoriomodifica | modifica wikitesto

Raisi ha ipotizzato il legame con la morte nella strage del giovane comunista Mauro Di Vittorio, simpatizzante di Lotta Continua e del movimento degli indiani metropolitani, affermando che potesse essere un ignaro o incauto portatore di un ordigno che non era destinato a Bologna[133][138].

L'ipotesi di Raisi e la chiamata in causa di Mauro Di Vittorio sono smentite da due fatti, come hanno ricostruito anche la sorella di Mauro, Anna Di Vittorio, e altri come Paolo Persichetti (ex brigatista e oggi giornalista) e l'autorità giudiziaria di Bologna[139]:

  • Non esiste alcuna prova della militanza di Di Vittorio con l'FPLP e della collaborazione con Carlos alla preparazione di un attentato.
  • Il 21 agosto 1980 il giornale Lotta Continua (quotidiano di LC fondato da Adriano Sofri e allora diretto da Enrico Deaglio) pubblicò il diario di Di Vittorio, da cui si evince che il giovane, nei giorni prima della strage, stava attraversando l'Europa in autostop, partendo da Londra.

La pista libicamodifica | modifica wikitesto

C'è anche chi pensa che la Libia stessa abbia avuto una larga parte nella strage di Bologna quale ritorsione per l'attacco al colonnello Gheddafi, avvenuto presumibilmente a Ustica il 27 giugno del 1980, forse ad opera di forze anglo-francesi[140]. L'attacco sarebbe fallito perché il colonnello fu avvisato, come avverrà con Bettino Craxi che lo salverà dal bombardamento aereo su Tripoli del 1986, da qualche personaggio importante della politica italiana.

Queste teorie sono state sostenute da uno dei condannati per la strage (Valerio Fioravanti), dal diplomatico Giuseppe Zamberletti, da Emilio Colombo, da uno dei condannati per depistaggio, (Francesco Pazienza, dopo la scarcerazione), da Giovanni Spadolini, da alcuni ex brigatisti e da un collaboratore di giustizia legato alla criminalità organizzata)[141].

L'allora leader libico Mu'ammar Gheddafi (a destra) assieme a quello palestinese Yasser Arafat (1977).

Sebbene Cossiga avesse escluso la complicità diretta di Gheddafi accusando solo i palestinesi, talvolta la pista libica è stata collegata a quella mediorientale-palestinese suggerita dalla Mitrokhin e da Cossiga stesso[142].

Ustica e la Libiamodifica | modifica wikitesto

In questa occasione aviazioni NATO avrebbero lanciato, col consenso del governo italiano che non si occupò di vigilare sulle rotte civili, un missile che appunto non colpì Gheddafi, ma un caccia libico (ritrovato in Calabria) e l'aereo DC-9 Itavia. Poco più di un mese dopo, proprio il 2 agosto, l'Italia, alla Valletta, firmò un accordo per proteggere Malta da possibili attacchi libici, nell'ambito della crisi Malta-Libia.

Il rais libico avrebbe minacciato l'Italia durante un comizio a Tripoli nell'agosto 1979, dicendo che «fra poco gli italiani conosceranno il significato della parola terrore». Le minacce libiche, proferite e fatte pervenire anche poche ore prima dello scoppio della bomba, sono state confermate dal diplomatico inviato del governo a Malta per la firma del trattato, Giuseppe Zamberletti: Bologna era anche il luogo da cui era partito l'aereo abbattuto a Ustica[4][143].

Secondo Zamberletti la Libia sarebbe responsabile anche della strage di Ustica, in un'azione di guerra tra NATO e Libia, tramite una bomba a bordo nell'ambito della strategia terroristica del colonnello Gheddafi[144].

« Malta subiva una grande influenza libica, ma il governo Mintoff aveva deciso, per quanto riguarda lo sfruttamento politico del mare circostante, di procedere alle ricerche ed anche allo sfruttamento di quella che la Libia considerava la sua piattaforma continentale. Gheddafi aveva fatto capire che questa cosa avrebbe rappresentato un atto di ostilità nei confronti della Libia, che era sempre stata beneficiaria e che beneficava il nostro paese di rapporti economici e politici particolari. Questa radicale modifica di politica internazionale non poteva non portare alcune tensioni che, nella mia posizione di sottosegretario agli Esteri, avevo letto bene perché c'erano stati dei segni premonitori molto importanti. Il primo segno premonitore è quello del capo del Sismi, generale Santovito. Ricordo che una sera, avendomi incontrato, mi volle parlare di questo tema e mi disse: “lei sta grattando la schiena della tigre; stia attento perché questo gesto va in direzione opposta ad una politica di amicizia e di rapporti particolarmente collaborativi che abbiamo tenuto sempre con quel paese”. La seconda, mi è venuta da una fonte autorevole. L'allora presidente della commissione Esteri, Andreotti, che in quel periodo non aveva incarichi di governo e mi telefonava per dirmi: “stai attento, abbiamo buone relazioni commerciali ed economiche con la Libia; so che questo gesto di fornire la garanzia militare e, quindi, anche di creare un’antenna militare a Malta, perché sia presidio di questa garanzia, viene letta a Tripoli come un’operazione in funzione anti-libica e, quindi, i nostri rapporti economici possono subire un danno da questa decisione”. Ed aggiunse: “perché per questa piccola isola del Mediterraneo dovremmo mettere in discussione i rapporti che abbiamo da tempo con un paese che è un grande rifornitore di petrolio del nostro paese ed è anche un paese con cui abbiamo buone relazioni economiche?”. Il terzo segnale è l'interpretazione autentica. Una delegazione libica venne alla Farnesina e mi espose l'ostilità libica alla conclusione di questo accordo: “state facendo un gesto che mette a repentaglio i nostri rapporti; non possiamo non leggere con preoccupazione un cambiamento di atteggiamento come questo”. Ancora: “questa cosa si aggiunge allo schieramento dei missili nucleari a Comiso, di fronte alla coste libiche, non possiamo non intravedere un combinato disposto di due minacce che vengono proiettate dal vostro paese nei nostri confronti". »
(Giuseppe Zamberletti.)

Nel 1999 il collaboratore di giustizia Francesco Di Carlo (ex mafioso di Altofonte), interrogato dal giudice Rosario Priore, dichiarò che, quando era detenuto in Inghilterra per traffico di droga, il suo compagno di cella era «il braccio destro di un colonnello siriano che si stava esercitando in Libia nel 1980» che gli confidò che la strage di Bologna era stata compiuta dai servizi segreti libici «per ripicca contro i servizi italiani che avevano aiutato gli americani», i quali volevano abbattere l'aereo sul quale viaggiava Gheddafi, sfociando appunto nella strage di Ustica[145].

Il magistrato Rosario Priore, ex titolare dell'inchiesta su Ustica e sui legami tra P2 e Brigate Rosse, nonché parente di una delle vittime della strage di Bologna[146] (il lontano cugino Angelo Priore)[147], ha sostenuto che il DC-9 fu abbattuto da un missile libico o francese durante il confronto tra le tre aviazioni francesi, statunitense e libica, e che la vendetta di Gheddafi per l'attentato di Ustica (perpetrato con l'assenso dell'Italia) e per l'accordo della Valletta, fu la strage di Bologna.

Nel libro I misteri di Bologna (2016) Priore e l'avvocato Valerio Cutonillo hanno ipotizzato che il corpo di Maria Fresu, l'unica vittima mai ritrovata, possa essere stato occultato dai depistatori, vista la difficoltà palese per un corpo umano di disintegrarsi in polvere (i corpi della figlia e di un'amica erano pressoché intatti, mentre un'altra amica, anch'ella vicina alla bomba, incredibilmente si salvò, pur gravemente ferita) e portando come prova che i pochi resti (una parte del volto) non corrispondevano al gruppo sanguigno della donna (questo all'epoca fu spiegata con la teoria della secrezione paradossa, oggi poco accettata dalla medicina), AB invece che O negativo, né ad altre vittime o feriti di sesso femminile (secondo la teoria alternativa appartenente a una donna trasportatrice dell'esplosivo, rimasta sfigurata).

Secondo l'ex giudice è possibile che sul corpo ci fossero tracce compromettenti, forse dell'esplosivo di origine militare (in uso sia nella NATO che nel blocco orientale, di provenienza cecoslovacca)[77], e che potevano portare alla pista da loro indicata, oppure il suo corpo sarebbe stato sottratto come depistaggio dai servizi deviati per coprire la scomparsa dell'altro corpo, che poteva condurre alla verità del lodo Moro[148].

In particolare è stato ipotizzato l'uso del Semtex (pentrite, anziché del Compound B), che venne usato dai terroristi libici nel 1988 per attentato al volo Pan Am 103 che si schiantò su Lockerbie (Scozia)[149]. L'ottantaseiesima vittima sarebbe il trasportatore o la trasportatrice dell'esplosivo che doveva essere utilizzato, secondo Priore e Cutonillo, sotto le mura del carcere speciale di Trani per una rappresaglia o un tentativo di fuga di Saleh.

Un quantitativo di Semtex-H fu acquistato da Cosa nostra agli inizi degli anni ottanta: parte di esso fu usato per la strage di via d'Amelio, in cui furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta, e per la strage del Rapido 904, mentre un'altra parte di questo esplosivo fu sequestrata dalla DIA di Palermo nel febbraio del 1996[150]. Un altro ingente quantitativo fu invece venduto dal governo cecoslovacco proprio alla Libia che lo utilizzò in alcuni attentati.

Il documento di Muggironimodifica | modifica wikitesto

Viene inoltre ricordata la presenza, sul luogo della strage, del passaporto, della borsa e di documenti personali di Salvatore Muggironi, docente sardo non vedente e forse militante nei gruppi dell'estrema sinistra della Barbagia (Barbagia Rossa, un gruppo vicino alle BR), non coinvolto. Il sottosegretario di Stato Ivan Scalfarotto confermò nel 2015 la circostanza. Nel gruppo di Muggironi militavano anche Giovanni Paba e Franco Secci (anch'essi ritenuti vicini alle BR), che nel 1976 furono arrestati in Olanda per trasporto di armi ed esplosivo su un treno diretto alla stazione di Amsterdam[151].

L'ex magistrato Rosario Priore ha dichiarato[146]:

« Dopo la strage, una ragazza italiana e un ragazzo mediorientale andarono all'obitorio alla ricerca di qualcuno che conoscevano e non riuscivano a trovare. A un certo punto, quando si trovarono davanti due cadaveri, sobbalzarono, come se avessero riconosciuto dei loro amici. Ebbene, all'epoca nessuno si premurò di sentire testimoni. La donna e l'uomo non si fecero riconoscere e si dileguarono. Nessuno ha mai saputo chi fossero né chi avessero riconosciuto. Ed è davvero molto strano, visto che in un obitorio non si entra e si esce liberamente, soprattutto dopo una strage. »
(Rosario Priore.)

Il giudice in pensione ha anche accusato Paolo Bolognesi, presidente dell'Associazione delle vittime, che gli ricordava il reato di depistaggio («I suoi dieci minuti di celebrità potrebbero costargli cari»), di agire in modo «sovietico» e di minacciarlo[146].

Connessioni tra Libia, palestinesi e lodo Moromodifica | modifica wikitesto

Allo stesso tempo Priore ha sostenuto la pista tedesco-palestinese del citato lodo Moro, legandola a quella libica: in pratica i vari servizi e strutture segrete come quella di «Carlos» avrebbero agito di concerto, con l'esplosivo libico ma su incarico non di Habash ma di Abu Ayad[152].

Le bombe usatemodifica | modifica wikitesto

Non è stato dimostrato che fosse Semtex l'esplosivo al plastico di Bologna. Thomas Kram, nel periodo 1979-1983, ebbe rapporti con il colonnello Gheddafi e lavorò con i servizi segreti della Jamahiyria: inoltre si sa che due ex agenti della CIA, Frank Terpil e Ed Wilson, avevano probabilmente venduto del T4 (esplosivo al plastico, usato anche a Bologna) e alcuni timer a Gheddafi nel 1977[153][154].

Il terrorismo libico, negli anni successivi, colpì in Francia (bombe sul TGV poste da uomini di «Carlos» nel 1983), in Germania Ovest (la bomba nella discoteca La Belle nel 1986) e nel Regno Unito (strage di Lockerbie nel 1988, utilizzando una bomba al plastico), oltre all'attacco missilistico su Lampedusa[153].

Cutonilli e Priore sostengono anche che nel caso in cui si fosse voluta compiere un'efferata strage per uccidere quante più persone possibili, per le caratteristiche specifiche del materiale esploso il 2 agosto 1980, avrebbe avuto più senso utilizzare un pulverulento, cioè un esplosivo meno rischioso del gelatinato, che è soggetto a oscillazioni se inserito in un elevato campo magnetico. Inoltre è sensibile al caldo e risulta pericoloso anche con il freddo, perché la parte liquida trasuda ed è sensibile all'urto.

Bologna e Lockerbiemodifica | modifica wikitesto

La bomba al tritolo di Bologna – di fabbricazione militare – sarebbe stata posta da agenti segreti libici come quella della strage di Lockerbie del 1988 (270 vittime), in cui è riconosciuta la responsabilità del governo di Tripoli e di un suo agente, Abd el-Basset Ali al-Megrahi[155], che la attuò, probabilmente, per vendicare un abbattimento per errore di un aereo di linea della Repubblica Islamica dell'Iran (causato dall'aviazione statunitense), con cui la Libia aveva un'alleanza strategica, o da Thomas Kram del gruppo filopalestinese e filoarabo di «Carlos», che fu collaboratore anche dei libici. La tesi, oltre che da Fioravanti, è appoggiata da elementi dissociati delle Brigate Rosse[121][156], mentre Cossiga affermò invece che Gheddafi non era coinvolto[140].

Gheddafi si fece anche promotore di un lancio di missili contro il territorio italiano nel 1986, prima della distensione degli anni novanta.

Peraltro la NATO ufficialmente avversava Gheddafi ritenendolo il principale nemico globale, e quindi anche l'Italia era tenuta a farlo, ma i produttori di armi italiani trafficavano anche in armamenti ed esplosivi con la Jamahiyria (la Libia aveva molti rapporti di questo tipo anche con l'URSS)[157].

Anche gli stessi NAR, condannati come esecutori materiali, professavano una posizione di anti-imperialismo[158], come gli stessi libici. Parte degli archivi di Gheddafi, contenenti forse informazioni sui finanziamenti e i coinvolgimenti del regime di Tripoli con il terrorismo internazionale e gli accordi petroliferi occulti, sono stati ritrovati, mentre parte sono andati persi durante la guerra civile libica e con la morte del rais stesso durante questo conflitto[159][160].

Il punto debole della teoria è che Gheddafi non rivendicò l'attentato, mentre sfidò apertamente gli Stati Uniti in altre occasioni. Tuttavia, nemmeno la strage di Lockerbie venne rivendicata, benché sia accertata la colpevolezza dei libici, e così sarà anche per la bomba di Berlino, anche se i libici, messi alle strette, si offriranno negli anni duemila di pagare un risarcimento danni alle vittime e ai parenti[161].

Il depistaggio «petrolifero»modifica | modifica wikitesto

Giovanni Spadolini si dichiarò convinto della pista libica, in un'interrogazione parlamentare del 4 agosto[23], quando si capì che era detonata una bomba e non una caldaia, ma Cossiga dichiarò subito la strage come «fascista», apparentemente senza prove certe (all'epoca di questa affermazione), ritrattando alcuni anni dopo accusando il terrorismo palestinese. Lo stesso depistaggio dei servizi segreti e della P2, sarebbe servito a indicare la pista del neofascismo, anche se non quella dei NAR ma quella «internazionale», per scagionare la Libia ed evitare incidenti diplomatici, poiché Gheddafi aveva importanti partnership commerciali e petrolifere con l'ENI e la FIAT, nonché quote di partecipazioni azionarie. Il leader libico coltivava anche buoni rapporti con Giulio Andreotti. L'ex faccendiere Francesco Pazienza, condannato a 13 anni per i depistaggi verso la pista neofascista, ha sostenuto questa tesi in interviste concesse dopo la scarcerazione, affermando che anche il procuratore Domenico Sica propose la pista libica, rivelando il motivo per cui Gelli volle depistare, e cioè la difesa degli interessi finanziari e petroliferi italiani con il regime di Gheddafi[23], poiché «coinvolgerla [la Libia]», sempre secondo l'ex collaboratore del SISMI a Milena Gabanelli, «in quel momento avrebbe voluto dire tragedia per la Fiat e per l'Eni»[23][162].

Vittimemodifica | modifica wikitesto

Lapide commemorativa delle vittime della strage.
Altra veduta della lapide contenente i nomi delle vittime. Al centro lo squarcio che rende visibile il foro dall'esterno.
Nazionalità[163] Vittime
Italia Italia 76
bandiera Germania Ovest 3
Regno Unito Regno Unito 2
Spagna Spagna 1
Francia Francia 1
Flag of Japan (1870-1999).svg Giappone 1
Flag of San Marino (before 2011).svg San Marino 1[164]

Le vittime furono 85, la più giovane di 3 anni (Angela Fresu) e la più vecchia di 86 anni (Antonio Montanari). Qui sotto un elenco dei nomi, seguiti dall'età.

  • Antonella Ceci, 19
  • Angela Marino, 23
  • Leo Luca Marino, 24
  • Domenica Marino, 26
  • Errica Frigerio, 57
  • Vito Diomede Fresa, 62
  • Cesare Francesco Diomede Fresa, 14
  • Anna Maria Bosio, 28
  • Carlo Mauri, 32
  • Luca Mauri, 6
  • Eckhardt Mader, 14
  • Margret Rohrs, 39
  • Kai Mader, 8
  • Sonia Burri, 7
  • Patrizia Messineo, 18
  • Silvana Serravalli, 34
  • Manuela Gallon, 11
  • Natalia Agostini, 40
  • Marina Antonella Trolese, 16
  • Anna Maria Salvagnini, 51
  • Roberto De Marchi, 21
  • Elisabetta Manea, 60
  • Eleonora Geraci, 46
  • Vittorio Vaccaro, 24
  • Velia Carli, 50
  • Salvatore Lauro, 57
  • Paolo Zecchi, 23
  • Viviana Bugamelli, 23
  • Catherine Helen Mitchell, 22
  • John Andrew Kolpinski, 22
  • Angela Fresu, 3
  • Maria Fresu, 24
  • Loredana Molina, 44
  • Angelica Tarsi, 72
  • Katia Bertasi, 34
  • Mirella Fornasari, 36
  • Euridia Bergianti, 49
  • Nilla Natali, 25
  • Franca Dall'Olio, 20
  • Rita Verde, 23
  • Flavia Casadei, 18
  • Giuseppe Patruno, 18
  • Rossella Marceddu, 19
  • Davide Caprioli, 20
  • Vito Ales, 20
  • Iwao Sekiguchi, 20
  • Brigitte Drouhard, 21
  • Roberto Procelli, 21
  • Mauro Alganon, 22
  • Maria Angela Marangon, 22
  • Verdiana Bivona, 22
  • Francisco Gómez Martínez, 23
  • Mauro Di Vittorio, 24
  • Sergio Secci, 24
  • Roberto Gaiola, 25
  • Angelo Priore, 26
  • Onofrio Zappalà, 27
  • Pio Carmine Remollino, 31
  • Gaetano Roda, 31
  • Antonino Di Paola, 32
  • Mirco Castellaro, 33
  • Nazzareno Basso, 33
  • Vincenzo Petteni, 34
  • Salvatore Seminara, 34
  • Carla Gozzi, 36
  • Umberto Lugli, 38
  • Fausto Venturi, 38
  • Argeo Bonora, 42
  • Francesco Betti, 44
  • Mario Sica, 44
  • Pier Francesco Laurenti, 44
  • Paolino Bianchi, 50
  • Vincenzina Sala, 50
  • Berta Ebner, 50
  • Vincenzo Lanconelli, 51
  • Lina Ferretti, 53
  • Romeo Ruozi, 54
  • Amorveno Marzagalli, 54
  • Antonio Francesco Lascala, 56
  • Rosina Barbaro, 58
  • Irene Breton, 61
  • Pietro Galassi, 66
  • Lidia Olla, 67
  • Maria Idria Avati, 80
  • Antonio Montanari, 86

Associazione dei familiari delle vittimemodifica | modifica wikitesto

L'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 si costituì il 1º giugno 1981 allo scopo di «ottenere con tutte le iniziative possibili la giustizia dovuta»: costituita inizialmente da 44 persone, il numero di associati crebbe fino ad arrivare a 300 elementi.

L'Associazione negli anni successivi alla strage è rimasta attiva, tanto per il ricordo della strage quanto per proporre iniziative che si sono affiancate alle indagini; con scadenza quadrimestrale i componenti sono soliti recarsi presso il tribunale, al fine di incontrare i magistrati inquirenti e, esaurito l'incontro, indicendo una conferenza stampa a scopo informativo sullo stato delle cose.

Il 6 aprile 1983, l'Associazione, assieme alle Associazioni delle vittime delle stragi di piazza Fontana, piazza della Loggia e del treno Italicus, costituì con sede a Milano, l'Unione dei familiari delle vittime per stragi[165].

Declassificazione degli attimodifica | modifica wikitesto

Con una direttiva del 22 aprile 2014, tutti i fascicoli relativi a questa strage non sono più coperti dal segreto di Stato e sono perciò liberamente consultabili da tutti[166].

Nella IX legislatura era stata insediata dal Parlamento italiano la Commissione parlamentare di inchiesta sulla Loggia massonica P2, i cui atti sono disponibili online nel sito del Senato.

La Commissione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi, insediata dal Parlamento italiano nel 1988, ha lavorato nella X, XI, XII e XIII legislatura, e i relativi atti sono tutti digitalizzati e disponibili online.

Commemorazionimodifica | modifica wikitesto

Il foro nel pavimento provocato dalla bomba, sito al di sotto della lapide contenente i nomi delle vittime.
L'orologio della stazione, fermo perennemente alle ore 10:25 in memoria del momento della strage. L'orologio venne riparato e fatto ripartire, ma la città di Bologna volle che fosse fermato di nuovo sull'ora della strage[11].
Lapide UNESCO a memoria della strage.
La manifestazione per il trentennale della strage, celebratasi il 2 agosto 2010.

Il 2 agosto è considerata la giornata in memoria di tutte le stragi, e la città di Bologna con l'Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 organizzano ogni anno il Concorso Internazionale di Composizione "2 Agosto" con concerto in piazza Maggiore[167].

Per ricordare la strage, nella ricostruzione dell'ala della stazione distrutta è stato creato uno squarcio nella muratura. All'interno, nella sala d'aspetto, è stata mantenuta la pavimentazione originale nel punto dello scoppio. Il settore ricostruito presenta l'intonaco esterno liscio e non «bugnato» come tutto il resto del fabbricato, in modo che sia immediatamente riconoscibile e più visibile. È stato mantenuto intatto uno degli orologi nel piazzale antistante la stazione ferroviaria, quello che si fermò alle 10:25; qualche tempo dopo la strage l'orologio venne rimesso in funzione[11][168], ma di fronte a decise rimostranze le Ferrovie convennero sull'opportunità che quelle lancette rimanessero ferme a perenne ricordo.

Il cippo commemorativo nella stazione di Bologna contiene l'elenco delle «vittime del terrorismo fascista». Durante il mandato di Giorgio Guazzaloca, sindaco di Bologna dal 1999 al 2004, l'esponente locale di Alleanza Nazionale Massimiliano Mazzanti propose al sindaco di non citare più la «matrice fascista» della strage nella commemorazione ufficiale del 2 agosto, anche se confermata con le condanne del 1995[169]. Nonostante le critiche dell'opposizione, il sindaco, pur non ammettendo di aver accolto l'invito che veniva da una parte della sua maggioranza, così fece per tutte e cinque le celebrazioni che lo videro protagonista. Dal 2004, invece, il nuovo sindaco, Sergio Cofferati, è tornato a scandire la vecchia formula durante la manifestazione ufficiale.

Il 2 agosto 2010, giorno del trentennale della strage, per la prima volta nessun rappresentante del governo è stato presente alla commemorazione svoltasi dapprima in Comune e successivamente nel piazzale antistante la stazione: il rappresentante per lo Stato è stato il prefetto di Bologna, Angelo Tranfaglia[170]. Il 24 settembre 2010 è stata posta sul binario 1 della stazione di Bologna una targa commemorativa con cui UNESCO dichiara la strage parte dei Patrimoines pour une Culture de la Paix Onu-Unesco per la promozione di una cultura di pace anche attraverso i patrimoni culturali locali.

La sera del concerto commemorativo della strage, qualcuno disse: «Un Paese che rinuncia alla speranza di avere giustizia ha già rinunciato non solo alle proprie leggi, ma alla sua storia stessa. Ecco perché severamente, ma soprattutto ostinatamente, aspettiamo»[15].

Nell'artemodifica | modifica wikitesto

Cinema e teatromodifica | modifica wikitesto

  • 2 agosto 1980. Oggi (2005)
  • 2 agosto, stazione di Bologna. Binario 9 ¾ (2006)
  • NowHere (2007)

Musicamodifica | modifica wikitesto

Letteraturamodifica | modifica wikitesto

Opere figurativemodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c d Antonella Beccaria, Fioravanti, Mambro e Ciavardini rimangono gli esecutori materiali, in il Fatto Quotidiano.it, 19 agosto 2011. URL consultato l'11 agosto 2013.
  2. ^ a b Aldo Cazzullo, Cossiga compie 80 anni: Moro? Sapevo di averlo condannato a morte, in Corriere della Sera, 8 luglio 2008. URL consultato il 29 luglio 2012.
  3. ^ Ad esempio:
    • Intimidazione della criminalità organizzata.
    • Possibile depistaggio sulla strage di Ustica.
    • Possibile ritorsione contro l'Italia (palestinese, libica o NATO): da parte palestinese per la rottura del lodo Moro o libica per il presunto attacco contro Gheddafi a Ustica e l'accordo di La Valletta, o da parte di forze legate alla NATO per collaborazione tra Italia, palestinesi e Gheddafi stesso.
  4. ^ a b Giuseppe Zambelletti, La minaccia e la vendetta, Milano, FrancoAngeli, 1995.
  5. ^ Andrea Purgatori, Strage di Bologna, il giudice Rosario Priore: "Chiedete a Carlos, lui potrebbe dire cose che non immaginiamo", The Huffington Post, 2 agosto 2013. URL consultato l'11 agosto 2013.
  6. ^ Intervista dal documentario Un solo errore – Bologna, 2 agosto 1980, di Matteo Pasi.
  7. ^ a b c d e Antonio Amorosi, Esclusivo, strage di Bologna. Nuova pista per i mandanti, affaritaliani.it, 25 luglio 2012. URL consultato il 27 aprile 2014.
  8. ^ Maurizio Gallo, Bologna, il processo surreale. Troppi dubbi sui neri «colpevoli», in Il Tempo.it, 1º agosto 2014. URL consultato il 22 gennaio 2015.
  9. ^ La strage di Bologna, Internazionale.it, 2 agosto 2013. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l m Carlo Lucarelli, Nuovi misteri d'Italia. I casi di Blu Notte, Torino, Einaudi, 2004.
  11. ^ a b c Michele Serra, Fermate l'orologio di Bologna, in Repubblica.it, 18 agosto 2001. URL consultato il 12 settembre 2012.
  12. ^ Biblioteca di Repubblica: La storia d'Italia. Vol. 23. Dagli anni di piombo agli anni Ottanta, Torino, 2005, p. 587.
  13. ^ Una strage spaventosa, in l'Unità, 3 agosto 1980. URL consultato il 2 agosto 2013.
  14. ^ a b Roberto Raja (a cura di), La strage di Bologna, Cinquantamila giorni, 20 agosto 2011. URL consultato il 20 agosto 2013.
  15. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Sergio Zavoli, La notte della Repubblica, Roma, Nuova Eri, 1992.
  16. ^ Gelli: "La strage? Fu un mozzicone" e Fioravanti insulta Bolognesi, in Repubblica.it, 26 luglio 2012. URL consultato il 14 marzo 2017.
    «Quella Mambro, mi pare, e quel Fioravanti, mi sembra, non ne hanno colpa, perché io credo sia stato un mozzicone di sigaretta. Ci fosse stata una bomba, qualche frammento si sarebbe trovato».
  17. ^ Morto il generale Santovito discusso ex capo del Sismi, in La Stampa, 6 febbraio 1984. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  18. ^ Aron Sperber, Strage di Bologna. Depistaggi per l'"amico" Gheddafi, in AgoraVox, 27 ottobre 2011. URL consultato l'11 agosto 2013.
  19. ^ Luigi Cipriani, Il caso Ustica-Libia, fondazionecipriani.it, 1990. URL consultato il 13 aprile 2013.
  20. ^ Processo per le «deviazioni» del Sismi 9 anni a Musumeci, 8 e mezzo a Pazienza, in La Stampa, 30 luglio 1985. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  21. ^ Non esisteva il Super-Sismi ma un gruppo di imbroglioni, in La Stampa, 15 marzo 1986. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  22. ^ «Non ci fu super-Sismi» ma attività censurabili, in La Stampa, 14 giugno 1986. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  23. ^ a b c d Milena Gabanelli, "Io, Gelli e la strage di Bologna". Ecco le verità della super-spia, in Repubblica.it, 30 gennaio 2009. URL consultato il 26 luglio 2012.
  24. ^ "SuperSISMI" – 12 anni per una vanità, strage80bologna.wordpress.com, 22 agosto 2011. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  25. ^ Strage di Bologna, accuse per Gelli e il «Supersismi», in La Stampa, 12 dicembre 1985. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  26. ^ Vincenzo Tessandori, Bologna, storia di una strage, in La Stampa, 15 giugno 1986. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  27. ^ A Bologna processo rinviato, in La Stampa, 20 gennaio 1987. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  28. ^ Paola Cascella, 'Sulla bomba sappiamo tutto', in la Repubblica, 10 ottobre 1993. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  29. ^ Marisa Ostolani, Bologna, una strage fascista, in La Stampa, 17 maggio 1994. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  30. ^ Giovanni Bianconi, Due colpevoli per la strage di Bologna, in La Stampa, 24 novembre 1995. URL consultato il 4 agosto 2016.
  31. ^ a b Giorgio Dell'Arti, Sergio Picciafuoco, in Cinquantamila giorni, 4 ottobre 2013. URL consultato l'8 giugno 2014.
  32. ^ Bologna, due assoluzioni in appello Per la strage non ci fu depistaggio, in la Repubblica, 22 dicembre 2001. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  33. ^ Strage Bologna, Ciavardini assolto, in La Stampa, 31 gennaio 2000. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  34. ^ Paola Cascella, Due Agosto, 30 anni a Ciavardini, in la Repubblica, 10 marzo 2002. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  35. ^ Per Ciavardini nuovo processo per la strage, in la Repubblica, 19 dicembre 2003. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  36. ^ Luigi Ciavardini, ex Nar, condannato a trent'anni per la strage alla stazione nell'agosto 1980, in La Stampa, 14 dicembre 2004. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  37. ^ Elsa Vinci, Strage di Bologna 30 anni a Ciavardini, in la Repubblica, 12 aprile 2007. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  38. ^ a b c Strage Bologna, pm: non sono emersi "elementi concreti" su finanziamenti da Gelli-Ortolani, in Rai News, 9 marzo 2017. URL consultato l'11 maggio 2017.
  39. ^ Strage di Bologna, Fioravanti e Mambro dovranno risarcire 2 miliardi allo Stato, in La Stampa.it, 19 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014.
  40. ^ David Marceddu, Strage di Bologna, Mambro e Fioravanti condannati a risarcire 2 miliardi di euro, in il Fatto Quotidiano.it, 19 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014.
  41. ^ Giovanni Bianconi, Due miliardi di risarcimento chiesti a Mambro e Fioravanti, in Corriere della Sera, 20 novembre 2014. URL consultato il 9 giugno 2015.
  42. ^ Contributi alla verità dai documenti del comitato pro Fioravanti – Mambro, stragi.it, 20 luglio 1994. URL consultato il 9 maggio 2014.
  43. ^ a b Sentenza 16 maggio 1994, stragi.it, 16 maggio 1994. URL consultato il 13 aprile 2013.
  44. ^ a b Ferdinando Imposimato, La Repubblica delle stragi impunite, Roma, Newton Compton, 2012.
  45. ^ Marilù Oliva, 30 anni dopo, carmillaonline.com, 2 agosto 2010. URL consultato il 5 giugno 2014.
  46. ^ Riccardo Bocca, «Sì, ho visto la Mambro», in L'espresso, 28 giugno 2007. URL consultato il 5 giugno 2014.
  47. ^ a b Colombo, pp. 256-258.
  48. ^ Alessandro Mantovani, 2 Agosto, vacilla il teste chiave «I documenti falsi? Non c'entro», in Corriere di Bologna, 24 agosto 2011. URL consultato il 14 giugno 2014.
  49. ^ a b Gino Pontecorvo, Strage di Bologna, il revisionismo che avanza, p. 30.
  50. ^ Bocca, pp. 69-78.
  51. ^ La posizione di Massimiliano Fachini, stragi.it. URL consultato il 4 luglio 2014.
  52. ^ Bocca, pp. 79-80.
  53. ^ Bocca, pp. 66-67.
  54. ^ Corrado De Rosa, La mente nera, Milano, Sperling & Kupfer, 2014.
  55. ^ Gigi Marcucci e Paola Minoliti, Le verità di Vincenzo Vinciguerra sulle stragi, ecn.org, 1º agosto 2005. URL consultato il 4 maggio 2014.
  56. ^ Daniele Ganser, Terrorism in Western Europe: An Approach to NATO's Secret Stay-Behind Armies (PDF), danieleganser.ch, 2005. URL consultato il 4 giugno 2014.
  57. ^ Ed Vulliamy, Secret agents, freemasons, fascists... and a top-level campaign of political 'destabilisation', in The Guardian, 5 dicembre 1990. URL consultato il 26 maggio 2012.
  58. ^ Giuliano Gallo, Gladio, assoluzione per l'ex vertice Sismi: «Non hanno mentito», in Corriere della Sera, 4 luglio 2001. URL consultato il 7 luglio 2012.
  59. ^ Vincenzo Vinciguerra, Bologna 2 agosto 1980: strage di Stato, Archivio Guerra Politica, 22 agosto 2012. URL consultato il 4 luglio 2014.
  60. ^ Una tentata strage, che fece una vittima e alcuni feriti.
  61. ^ Strage di Bologna, Gladio non c'entra il documento è un falso clamoroso, il Giornale, 16 gennaio 1991.
  62. ^ Strage di Bologna: Ciavardini: 'Incastrato da Izzo', in il Resto del Carlino, 30 marzo 2006. URL consultato l'8 giugno 2014.
  63. ^ «Si è visto il persistente rapporto fra Delle Chiaie e ambienti della P2 e della massoneria, messo in evidenza non solo da Vincenzo Vinciguerra, ma anche da tutti quegli elementi che legano direttamente il Delle Chiaie al Gelli e cioè i loro contatti in forma telefonica durante la latitanza del Delle Chiaie, di cui parla la Nara Lazzerini ed il loro incontro del 1989 di cui parla il teste Villone, ma soprattutto ben più significativa circostanza che i nomi di entrambi sono stati esclusi dal rapporto definitivo sul golpe Borghese. Non va sottaciuto infine che sia Gelli che Delle Chiaie sono stati infine avvantaggiati da quel complesso di attività di sviamento delle indagini che ha percorso la prima istruttoria e che è ricaduto anche su decisioni giurisdizionali successive. Come ben si vede, come nel caso di Augusto Cauchi, si è giunti a raccogliere un insieme di elementi tale da avvicinarsi notevolmente all'adeguatezza per disporre il rinvio a giudizio. Anche in questo caso, tuttavia, occorre tenere conto delle elusività di Vinciguerra, della mancanza di conferme da parte delle fonti di Angelo Izzo, nonché di alcuni elementi non chiari della deposizione Spiazzi a suo tempo messi in evidenza dalla sentenza ordinanza dei Giudici Istruttori di Bologna del 14.6.1986. Tutto ciò considerato, allo stato degli atti, conviene disporre il proscioglimento di Stefano Delle Chiaie e dell'intera dirigenza di Avanguardia Nazionale dai delitti loro rispettivamente ascritti concernenti la strage di Bologna del 2 agosto 1980 per non aver commesso i fatti».
  64. ^ Dal sito stragi.it.
  65. ^ Paolo Bolognesi, Stragi, ma i magistrati di Bologna hanno interrogato Spiazzi?, in il Fatto Quotidiano.it, 5 novembre 2012. URL consultato il 14 giugno 2014.
  66. ^ Antonella Beccaria, Stragi e mandanti, il libro di Scardova sul 2 agosto 1980 presentato alla festa del PD, in il Fatto Quotidiano.it, 29 agosto 2012. URL consultato il 14 giugno 2014.
  67. ^ Maurizio Torrealta, La trattativa, Milano, BUR, 2010.
  68. ^ Sentenza della Corte Suprema di Cassazione, 23 novembre 1995.
  69. ^ Lirio Abbate, La latitanza di Marcello Dell'Utri e l'aiuto del faccendiere Gennaro Mokbel, in l'Espresso, 11 aprile 2014. URL consultato il 12 aprile 2014.
  70. ^ Mario Adinolfi, Mokbel, Fioravanti, Mambro: la centrale nera, in Europa, 8 marzo 2010. URL consultato il 14 giugno 2014.
  71. ^ Antonio Amorosi, Esclusivo, Strage di Bologna. Nuova pista per i mandanti, affaritaliani.it, 25 luglio 2012. URL consultato il 27 aprile 2014.
  72. ^ Paolo Bolognesi e Roberto Scardova, Stragi e mandanti, Reggio Emilia, Aliberti, 2012.
  73. ^ Stefano Corradino, Paolo Bolognesi: "Con la declassificazione degli atti sulle stragi potremmo conoscere i nomi dei mandanti...", Articolo 21, liberi di..., 22 aprile 2014. URL consultato il 4 luglio 2014.
  74. ^ Nicola Rao, Il piombo e la celtica, Milano, Sperling & Kupfer, 2009.
  75. ^ Ugo Maria Tassinari, In difesa di Luigi Ciavardini, ugomariatassinari.it, 13 aprile 2013. URL consultato il 18 luglio 2014.
  76. ^ I legami intersoggettivi, stragi.it. URL consultato il 13 aprile 2013.
  77. ^ a b La strage di Bologna, Carlos e lo Stato ipocrita, marcogregoretti.it, 1º novembre 2013. URL consultato l'8 giugno 2014.
  78. ^ a b Dino Martirano, Pellegrino: strage di Bologna, il movente non è credibile, in Corriere della Sera, 19 dicembre 2003. URL consultato il 28 aprile 2014.
  79. ^ a b Luigi Cipriani, Contro lo stato delle stragi, fondazionecipriani.it, 1985. URL consultato il 5 giugno 2014.
  80. ^ Riina ordinò la strage di Natale dell'84? Movente fragile, in Siciliainformazioni.com, 27 aprile 2011. URL consultato il 4 maggio 2014.
  81. ^ Rita Di Giovacchino, Strage di Bologna, la verità negata, in il Fatto Quotidiano.it, 20 agosto 2011. URL consultato il 4 maggio 2014.
  82. ^ a b Claudio Gatti e Gail Hammer, Il quinto scenario, Milano, Rizzoli, 1994.
  83. ^ Antonella Beccaria, Wikileaks, Giovanardi chiese aiuto agli Usa. "Dovete supportare la mia tesi", in il Fatto Quotidiano.it, 6 settembre 2011. URL consultato l'8 giugno 2014.
  84. ^ Luigi Cipriani, Da Ustica a Bologna. Due stragi francesi?, fondazionecipriani.it, 1989-1990. URL consultato il 13 aprile 2013.
  85. ^ Luigi Cipriani, Intervento in aula 2 agosto 1990 (anniversario strage di Bologna), fondazionecipriani.it, 2 agosto 1990. URL consultato il 13 aprile 2013.
  86. ^ Strage di Bologna, archiviata la pista palestinese, in il Resto del Carlino, 10 febbraio 2015. URL consultato il 10 agosto 2016.
  87. ^ a b Luca Sancini, Due agosto, "a un passo dai mandanti": la speranza nel giorno della memoria, in Repubblica.it, 2 agosto 2013. URL consultato il 27 aprile 2014.
  88. ^ Concetto Vecchio, Fioravanti: "Ora la Procura lavori sulla pista palestinese", in Repubblica.it, 4 agosto 2009. URL consultato l'8 giugno 2014.
  89. ^ Bolognesi contro Fioravanti. Due verità a confronto sulla strage, in Panorama, 2 agosto 2012. URL consultato l'8 giugno 2014.
  90. ^ Esame dei motivi di ricorso relativi a Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, stragi.it. URL consultato il 4 luglio 2014.
  91. ^ Daniel Agami, Recensione del libro Roberto Scardova e Paolo Bolognesi, Stragi e Mandanti Aliberti editore, Reggio Emilia, culturaeculture.it, 19 marzo 2013. URL consultato il 18 luglio 2014.
  92. ^ Morte Gelli, Bolognesi: "Lui il mandante della strage", in Repubblica.it, 16 dicembre 2015. URL consultato il 12 luglio 2016.
  93. ^ Dalla Commissione Mitrokhin ai terroristi indagati per la strage di Bologna. Intervista esclusiva all'on. Enzo Raisi, nottecriminale.it, 20 agosto 2011. URL consultato il 14 giugno 2014.
  94. ^ Riccardo Barlaam, Strage di Bologna. Parla il figlio di Sparti, testimone chiave dell'accusa: «Mio padre ha sempre mentito», in Il Sole 24 ORE, 24 maggio 2007. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  95. ^ ANGELO IZZO, UN PENTITO PER TUTTE LE STAGIONI, in Adnkronos, 19 marzo 2006. URL consultato il 14 agosto 2013.
  96. ^ Svolta sulla strage del Due Agosto Indagati due terroristi tedeschi, in Repubblica.it, 19 agosto 2011. URL consultato il 12 luglio 2012.
  97. ^ Andrea Colombo, Nicola Rao, Luca Telese e Francesco Patierno, Giusva. La vera storia di Valerio Fioravanti, Milano, Sperling & Kupfer, 2011.
  98. ^ a b c d e f g h Comitato "E se fossero innocenti", stragi.it. URL consultato il 13 aprile 2013.
  99. ^ LA VERSIONE DI MUGHINI – "MAI HO CREDUTO MAMBRO E FIORAVANTI COLPEVOLI DI STRAGE E STASERA LI INVITERÒ A CENA – GIUSVA HA SEMPRE CONFESSATO AL DETTAGLIO I SUOI OMICIDI, A DIFFERENZA DI NON POCHI GAGLIOFFI DI SINISTRA CHE SONO ANDATI AD ASSASSINARE GIORNALISTI E MAGISTRATI", Dagospia, 20 novembre 2014. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  100. ^ Conversazione settimanale con Marco Pannella, in Radio Radicale, 23 novembre 2003. URL consultato il 9 maggio 2014.
  101. ^ «Mambro e Fioravanti sono innocenti, ma la sinistra non supera questo tabù», lucatelese.it, 21 gennaio 2007. URL consultato il 9 maggio 2014.
  102. ^ Andrea Camilleri, Camilleri: Alla ricerca dell'impegno perduto, in MicroMega, 6 novembre 2013. URL consultato l'11 giugno 2014.
  103. ^ Le ex BR: "Mambro e Fioravanti innocenti", in Corriere della Sera, 24 gennaio 1994. URL consultato l'11 giugno 2014.
  104. ^ a b 2 agosto 1980: e se fossero innocenti?, ariannaeditrice.it, 1º agosto 2006. URL consultato il 13 aprile 2013.
  105. ^ Ugo Volli, Federico Steinhaus e Deborah Fait, Gli eroi palestinesi, informazionecorretta.com, 14 marzo 2011. URL consultato l'11 giugno 2014.
  106. ^ Il tempo e la storia – La strage di Bologna, Rai 3.
  107. ^ Deborah Fait, Le vedove nere e gli infernali padroni del mondo, informazionecorretta.com, 31 dicembre 2013. URL consultato l'11 giugno 2014.
  108. ^ Fulvio Abbate, Mambro e Fioravanti, le due verità, in l'Unità, 9 maggio 2007. URL consultato l'11 giugno 2014.
  109. ^ Silvana De Mari, Abbiamo la certezza che la strage di Bologna fu opera del terrorismo palestinese con cui l'Italia aveva stretto un patto. Ma per paura lo Stato ha incolpato i fascisti, ioamolitalia.it, 5 dicembre 2013. URL consultato il 14 giugno 2014.
  110. ^ a b c Maurizio Gallo, Da Furio Colombo a Mughini. Così la sinistra difende gli ex Nar, in Il Tempo.it, 21 novembre 2014. URL consultato il 21 maggio 2015.
  111. ^ Giusva, il docu-film sul terrorista Valerio Fioravanti, in Tempi, 8 agosto 2011. URL consultato il 9 maggio 2014.
  112. ^ Emanuele Midolo, Strage di Bologna, tutte le altre vittime di Mambro e Fioravanti, in AgoraVox, 2 agosto 2012. URL consultato l'11 giugno 2014.
  113. ^ Strage di Bologna, intervista choc a Gelli: "Fu colpa di una sigaretta", in La Stampa.it, 25 luglio 2012. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  114. ^ Davide Frattini, «Trattai io il lodo Moro Mani libere a noi palestinesi», in Corriere.it, 14 luglio 2008. URL consultato il 17 agosto 2013.
  115. ^ Paolo Biondani, «A Bologna a colpire furono Cia e Mossad», in Corriere.it, 23 novembre 2005. URL consultato il 25 maggio 2012.
  116. ^ Marco Dolcetta, I GIORNI DELLO 'SCIACALLO' – PARLA IL TERRORISTA CARLOS: 'LA STRAGE DI BOLOGNA? QUEI GIOVANI FASCISTI DEL CAVOLO NON C'ENTRANO: NON SI DANNO A DEI COGLIONI QUELLE QUANTITÀ DI ESPLOSIVI MILITARI' – 'VIA FANI? SONO STATI QUELLI DEL MOSSAD. GENTE INFILTRATA NELLE BRIGATE ROSSE', in Dagospia, 22 aprile 2014. URL consultato il 3 maggio 2014.
  117. ^ Storia della prima Repubblica, L'Italia settimanale, 1994.
  118. ^ Antonino Arconte, L'Ultima Missione. G-71 e la verità negata, Milano, Rizzoli, 2001.
  119. ^ Ferdinando Imposimato, I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia, Roma, Newton Compton, 2013.
  120. ^ Gian Marco Chiocci, Il giallo della strage di Bologna. Ecco le prove della pista araba, in il Giornale, 22 ottobre 2007. URL consultato il 2 agosto 2012.
  121. ^ a b c Gian Paolo Pelizzaro, Gabriele Paradisi e François de Quengo de Tonquédec, Bologna, cade anche l'ultimo segreto. L'olografo di Senzani e gli accordi segreti tra Br e palestinesi, segretidistato.it, 17 novembre 2012. URL consultato il 14 giugno 2014.
  122. ^ L'ombra del terrorismo palestinese sulla strage di Bologna, in Il Tempo, 2 agosto 2010. URL consultato il 14 giugno 2014.
  123. ^ Gabriele Paradisi, Gian Paolo Pelizzaro e François de Quengo de Tonquédec, Dossier Strage di Bologna. La pista segreta., segretidistato.eu, 28 febbraio 2011. URL consultato il 13 luglio 2012.
  124. ^ Gabriele Paradisi, La strage? Figlia del tradimento del «lodo Moro», Il Tempo.it, 11 ottobre 2013. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  125. ^ Alvaro Rossi, Sismi, OLP e strage di Bologna: quante bugie su Italo e Graziella, ilsussidiario.net, 25 aprile 2014. URL consultato il 7 maggio 2014.
  126. ^ Renato Farina, Cossiga mi ha detto, Venezia, Marsilio, 2011.
  127. ^ Giorgio Galli, Storia del partito armato, Milano, Rizzoli, 1986.
  128. ^ Marco Imarisio, Da Moretti alla Lioce, il fronte arabo delle Br, in Corriere della Sera, 7 marzo 2003. URL consultato il 18 luglio 2012.
  129. ^ Leonardo Martinelli, Parigi, nuovo processo per lo "sciacallo" Carlos il "rivoluzionario di professione", in il Fatto Quotidiano.it, 8 novembre 2011. URL consultato il 17 agosto 2013.
  130. ^ Riccardo Lenzi, Strage di Bologna: meno depistaggi, più giustizia, in il Fatto Quotidiano.it, 12 febbraio 2015. URL consultato il 13 febbraio 2015.
  131. ^ Gabriele Paradisi, Strage di Bologna, "Era seria la pista palestinese", in Il Tempo.it, 27 giugno 2015. URL consultato il 28 giugno 2015.
  132. ^ Chi sono, in bombaononbomba.it. URL consultato l'11 giugno 2015.
  133. ^ a b Due agosto, Raisi insiste sulla pista Di Vittorio, in il Resto del Carlino, 29 luglio 2012. URL consultato il 16 agosto 2013.
  134. ^ Enzo Raisi, Bomba o non bomba, Bologna, Minerva, 2012.
  135. ^ a b c d e f g Deborah Dirani, «Fu un errore l'esplosione alla stazione di Bologna. L'ordigno doveva saltare a Roma». Torna l'ombra dei palestinesi sulla strage, in Il Sole 24 ORE, 19 novembre 2012. URL consultato l'11 giugno 2014.
  136. ^ Anna Elena Caputano e Alfredo Picariello, La strage di Bologna, i palestinesi, il lodo Moro, le armi: ecco l'Italia che non ci hanno mai raccontato, in piueconomia.it, 6 aprile 2013. URL consultato l'11 giugno 2015.
  137. ^ Gabriele Paradisi, Carlos: «A Bologna non furono i Nar», in Il Tempo.it, 23 aprile 2014. URL consultato il 16 giugno 2014.
  138. ^ Paolo Bolognesi, Strage 2 Agosto 1980, Raisi e il suo libro di favole, in il Fatto Quotidiano.it, 27 novembre 2012. URL consultato il 16 agosto 2013.
  139. ^ Anna Di Vittorio e Gian Carlo Calidori, Strage di Bologna: Anna Di Vittorio e Giancarlo Calidori rendono grazie, ugomariatassinari.it, 14 febbraio 2015. URL consultato il 9 giugno 2015.
  140. ^ a b Riccardo Bocca, Tutta un'altra strage, Milano, BUR, 2007.
  141. ^ Riccardo Lenzi, Strage: tornerà di moda anche la "pista libica"?, in il Fatto Quotidiano.it, 26 agosto 2011. URL consultato il 9 giugno 2015.
  142. ^ Marco Bonacossa, La strage della stazione di Bologna si scrive in arabo, strage80bologna.wordpress.com, 4 agosto 2014. URL consultato il 13 agosto 2015.
  143. ^ Giuseppe D'Avanzo, Bologna, le ombre e le intenzioni, in Repubblica.it, 4 agosto 2008. URL consultato il 2 marzo 2014.
  144. ^ Ruggiero Capone, Zamberletti parla della matrice libica su Bologna e Ustica, in L'Opinione, 4 settembre 2003. URL consultato il 15 agosto 2015.
  145. ^ Mariateresa Conti, Strage di Bologna, un pentito di mafia: «Fu una vendetta libica contro l'Italia», in il Giornale, 22 agosto 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  146. ^ a b c Luca Rocca, «Ho perso un parente, perché minacciarmi?», in Il Tempo.it, 8 luglio 2016. URL consultato il 9 agosto 2016.
  147. ^ Daniele Biacchessi, Un attimo... vent'anni, Bologna, Pendragon, 2001.
  148. ^ Nicola Guarneri, Strage di Bologna, ennesimo mistero: manca un cadavere, cronacaedossier.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 7 agosto 2016.
  149. ^ Enrico Tagliaferro, Gian Paolo Pellizzaro, Gabriele Paradisi e Olivier Frérot, Le "verità" dell'ex brigatista Sandro Padula sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980, cronacaedossier.it, 27 aprile 2012. URL consultato il 7 agosto 2016.
  150. ^ Strage rapido 904,ordine di custodia cautelare a Riina: «Fu mandante», in Corriere.it, 27 aprile 2011. URL consultato il 4 agosto 2012.
  151. ^ 2 agosto 1980, punto per punto i segreti di Bologna, cronacaedossier.it, 2 agosto 2016. URL consultato l'8 agosto 2016.
  152. ^ "Un cadavere del 2 agosto mai trovato", l'ultima tesi di Priore, Dire, 8 agosto 2016. URL consultato il 9 agosto 2016.
  153. ^ a b Le 4 piste, strage80bologna.wordpress.com, 1º giugno 2010. URL consultato il 14 giugno 2014.
  154. ^ Ex-C.I.A. Agent Edwin Wilson Talks About His Mysterious Allegiance to Libya, in People, 23 novembre 1981. URL consultato il 14 giugno 2014.
  155. ^ «Gheddafi ordinò la strage di Lockerbie», Lettera 43, 23 febbraio 2011. URL consultato il 6 maggio 2014.
  156. ^ Gian Marco Chiocci, Strage di Bologna, adesso spunta il brigatista Marra, in il Giornale, 6 settembre 2012. URL consultato il 6 maggio 2014.
  157. ^ Le armi di Gheddafi, giornalettismo.com, 8 marzo 2011. URL consultato il 6 maggio 2014.
  158. ^ Terza Posizione, newsphera.it. URL consultato il 6 maggio 2014.
  159. ^ Gea Scansarello, I segreti del raìs, Lettera 43, 20 ottobre 2011. URL consultato il 6 maggio 2014.
  160. ^ Gea Scansarello, Il ricatto di Gheddafi, Lettera 43, 23 agosto 2011. URL consultato il 6 maggio 2014.
  161. ^ Guido Olimpio, Da Lockerbie a Ustica: i misteri sepolti col Raìs, in Corriere.it, 22 ottobre 2011. URL consultato il 15 ottobre 2016.
  162. ^ Nicola Rao, Il piombo e la celtica, Milano, Sperling & Kupfer, 2010.
  163. ^ Strage di Bologna: vittime, stragi.it. URL consultato il 25 luglio 2014.
  164. ^ Le vittime della strage: Pietro Galassi, stragi.it. URL consultato il 4 agosto 2016.
  165. ^ L'Associazione ha curato, insieme ad altre associazioni di vittime delle stragi la pubblicazione del libro intitolato Il terrorismo e le sue maschere edito dalla Pendragon di Bologna.
  166. ^ Stragi, Renzi toglie il segreto di Stato: tutta la verità su Ustica, piazza Fontana, Italicus, stazione di Bologna, in Il Messaggero.it, 22 aprile 2014. URL consultato il 22 aprile 2014.
    «I «fatti sanguinosi» di Ustica, Peteano, treno Italicus, piazza Fontana, Piazza della Loggia, Gioia Tauro, stazione di Bologna e rapido 904 non sono più coperti dal segreto di Stato.».
  167. ^ Concorso Internazionale di Composizione "2 Agosto", concorso2agosto.it, 11 gennaio 2013. URL consultato il 16 ottobre 2012.
  168. ^ Mario Porqueddu, Strage di Bologna, le Ferrovie riattivano l'orologio. Guazzaloca: è un errore, in Corriere della Sera, 18 agosto 2001. URL consultato il 18 luglio 2012.
  169. ^ I DS intervengono sulla strage di Bologna, in superEva, 20 dicembre 2003. URL consultato il 10 luglio 2012.
  170. ^ Strage di Bologna, per il trentennale commemorazione senza ministri, in Corriere della Sera, 31 luglio 2010. URL consultato il 1º agosto 2010.
  171. ^ Alberto Pezzotta, 1981, Carmelo Bene recita Dante un anno dopo la strage di Bologna, in Corriere della Sera, 9 settembre 2007. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  172. ^ “Un Solo Errore – Bologna, 2 agosto 1980”, E-R Cultura, 19 luglio 2012. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  173. ^ Massimo Bubola (a cura di), Belìn, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André, Firenze, Giunti, 2013.
  174. ^ Andrea Zanzotto, Idioma, Milano, Mondadori, 1986.
  175. ^ Umberto Eco, Il pendolo di Foucault, Milano, Bompiani, 1988, pp. 437-438.
  176. ^ Il bar della stazione, testo del racconto.
  177. ^ Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, Appennino di sangue. Tre casi per il maresciallo Santovito, Milano, Mondadori, 2011.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Saggimodifica | modifica wikitesto

  • Antonino Arconte, L'Ultima Missione. G-71 e la verità negata, Milano, Mursia, 2001, ISBN 88-900678-2-9.
  • Antonella Beccaria, Giorgio Gazzotti, Gigi Marcucci, Claudio Nunziata e Roberto Scardova, Alto tradimento. La guerra segreta agli italiani da Piazza Fontana alla strage della stazione di Bologna, a cura di Paolo Bolognesi, Roma, Castelvecchi, 2016.
  • Antonella Beccaria e Riccardo Lenzi, Schegge contro la democrazia. 2 agosto 1980: le ragioni di una strage nei più recenti atti giudiziari, prefazione di Claudio Nunziata, Bologna, Editrice Socialmente, 2010, ISBN 978-88-95265-40-7.
  • Daniele Biacchessi, 10.25, cronaca di una strage. Vite e verità spezzate dalla bomba alla stazione di Bologna, Roma, Gamberetti, 2000, ISBN 978-88-7990-022-5.
  • Daniele Biacchessi, Un attimo... vent'anni. Storia dell'Associazione tra i familiari delle vittime alla stazione di Bologna, Bologna, Pendragon, 2001, ISBN 978-88-8342-078-8.
  • Daniele Biacchessi, Ombre nere. Il terrorismo di destra da Piazza Fontana alla bomba al «Manifesto», Milano, Mursia, 2002, ISBN 978-88-425-3000-8.
  • Biblioteca di Repubblica: La storia d'Italia. Vol. 23. Dagli anni di piombo agli anni Ottanta, Torino, 2005.
  • Riccardo Bocca, Tutta un'altra strage, Milano, BUR, 2007, ISBN 978-88-17-01692-6.
  • Paolo Bolognesi e Roberto Scardova, Stragi e mandanti. Sono veramente ignoti gli ispiratori dell'eccidio del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna?, introduzione di Claudio Nunziata, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2012, ISBN 978-88-7424-932-9.
  • Andrea Colombo, Storia nera. Bologna, la verità di Francesca Mambro e Valerio Fioravanti, Milano, Cairo, 2006, ISBN 978-88-6052-091-3.
  • Andrea Colombo, Nicola Rao, Luca Telese e Francesco Patierno, Giusva. La vera storia di Valerio Fioravanti, Milano, Sperling & Kupfer, 2011.
  • Francesco Cossiga, La versione di K. Sessant'anni di controstoria, Milano, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-17-03592-7.
  • Valerio Cutonilli, Strage all'italiana, Roma, Edizioni Trecento, 2007.
  • Corrado De Rosa, La mente nera, Milano, Sperling & Kupfer, 2014, ISBN 978-88-200-5600-1.
  • Renato Farina, Cossiga mi ha detto. Il testamento politico di un protagonista della storia italiana del Novecento, Venezia, Marsilio, 2011.
  • Claudio Gatti e Gail Hammer, Il quinto scenario. I missili di Ustica Milano, Rizzoli 1994.
  • Ferdinando Imposimato, La Repubblica delle stragi impunite. I documenti inediti dei fatti di sangue che hanno sconvolto il nostro Paese, Roma, Newton Compton, 2012.
  • Ferdinando Imposimato, I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia. Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera, Roma, Newton Compton, 2013.
  • Carlo Lucarelli, La strage di Bologna, in Nuovi misteri d'Italia. I casi di Blu Notte, Torino, Einaudi, 2004, ISBN 978-88-06-16740-0.
  • Andrea Paolella, Paolo Bolognesi, Roberto Roversi, Gianni D'Elia e Carlo Lucarelli, La strage dei trent'anni. Un racconto per immagini, Bologna, CLUEB, 2010, ISBN 978-88-491-3460-5.
  • Gabriele Paradisi, Gian Paolo Pelizzaro e François de Quengo de Tonquédec, Dossier strage di Bologna. La pista segreta, Bologna, Giraldi Editore, 2010, ISBN 978-88-6155-429-0.
  • Rosario Priore e Valerio Cutonilli, I segreti di Bologna. La verità sull'atto terroristico più grave della storia italiana. La storia mai raccontata della diplomazia parallela italiana, Milano, Chiarelettere, 2016.
  • Nicola Rao, Il piombo e la celtica. Storie di terrorismo nero. Dalla guerra di strada allo spontaneismo armato, Milano, Sperling & Kupfer, 2010.
  • Enzo Raisi, Bomba o non bomba. Alla ricerca ossessiva della verità, Bologna, Minerva, 2012, ISBN 978-88-7381-444-3.
  • Fedora Raugei, Bologna, 1980. Vent'anni per la verità. Il più grave attentato della storia italiana nella ricostruzione processuale, prefazione di Mario Guarino, Roma, Prospettiva, 2000, ISBN 88-8022-070-5.
  • Gianluca Semprini, La strage di Bologna e il terrorista sconosciuto. Il caso Ciavardini, Milano, Bietti, 2003, ISBN 978-88-8248-148-3.
  • Giuseppe Zambelletti, La minaccia e la vendetta. Ustica e Bologna: un filo tra due stragi, Milano, FrancoAngeli, 1995.
  • Sergio Zavoli, La notte della Repubblica, Roma, Nuova Eri, 1992.
  • Parlamento Italiano, Commissione d'inchiesta concernente il "Dossier Mitrokin" e l'attività di intelligence italiana. Relazione sull'attività istruttoria svolta sull'operazione Impediam. On. Paolo Guzzanti
  • Parlamento Italiano. IX Legislatura, Doc. XXIII nr. 2 del 12 luglio 1984. Relazione Commissione parlamentare d'inchiesta sulla Loggia massonica P2. On. Tina Anselmi

Opere letterariemodifica | modifica wikitesto

  • Alex Boschetti e Anna Ciammitti, La strage di Bologna, fumetto con prefazione di Carlo Lucarelli, Padova, BeccoGiallo, 2015.
  • Patrick Fogli, Il tempo infranto, Milano, Piemme, 2010.
  • Mattia Fontanella (a cura di), Memoria mare. Lettere ad Angela e Maria Fresu, Bologna, Pendragon, 2010, ISBN 978-88-8342-822-7.
  • Loriano Macchiavelli, Strage, Torino, Einaudi, 2010.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto