Tito Cadolini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tito Gillo Cadolini
Tito Cadolini.jpg
Ritratto del generale Tito Cadolini
24 giugno 1805 – 16 giugno 1876
Nato a Cremona
Morto a Cremona
Dati militari
Paese servito Regno di Sardegna Regno di Sardegna
Italia Italia
Forza armata Regia Armata Sarda
Regio Esercito
Arma Fanteria
Grado Maggiore generale
Guerre Prima guerra di indipendenza italiana
Seconda guerra di indipendenza italiana
Terza guerra di indipendenza italiana
Campagne Campagna piemontese in Italia centrale
Battaglie Battaglia di Custoza
Comandante di Brigata "Siena"
Decorazioni vedi qui
i dati sono tratti da Dizionario biografico del Risorgimento cremonese[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Tito Gillo Cadolini (Cremona, 24 giugno 1805Cremona, 16 giugno 1876) è stato un patriota e generale italiano, veterano delle guerre d'indipendenza italiane che si distinse particolarmente durante la terza dove comandò la Brigata "Siena" durante la Battaglia di Custoza.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Nacque a Cremona il 24 giugno 1805, figlio di Luigi Cadolini e Rosa Serafina Ferragni, aristocratici di nobili ascendenze (vedi famiglie Cadolini, Ferragni), ed intraprese giovanissimo la blasonata carriera militare divenendo ufficiale dell'Esercito imperiale austriaco.[1]

Durante i moti liberal-nazionali del 1848 disertò dalle forze armate austriache schierandosi a favore degli insorti cremonesi condotti dai cugini Francesco Ferragni e Gaetano Tibaldi.

Passò quindi all'Esercito del Regno di Sardegna prendendo parte alle campagne militari delle guerre d’indipendenza del 1848, 1849, e 1859.[1]

Tra il settembre e l’ottobre del 1860 partecipò alla campagna militare in Italia centrale che portò all’annessione del Regno delle Due Sicilie e di parte dello Stato Pontificio culminando nella proclamazione del Regno d’Italia, avvenuta nel 1861. Transitato in forza al Regio esercito, nel corso del 1866 partecipò alla Terza guerra d’indipendenza dove evidenziò grande esperienza guidando con abilità la Brigata "Siena", appartenente alla 2ª Divisione del Tenente generale Giuseppe Salvatore Pianell lungo il difficile percorso che da Pozzolengo portò al campo di battaglia di Custoza.[1] Per questo fatto fu decorato con la Croce di Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia.

Nell'ottobre 1866 salì al grado di Maggiore Generale[1] e divenne poi Comandante della piazza di Verona.[2][3]

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
— 6 dicembre 1866[4]
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia con barrette 1848, 1849, 1859, 1866 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia con barrette 1848, 1849, 1859, 1866

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c d e Angela Bellardi (cura di), Dizionario biografico del Risorgimento cremonese, Società Storica Cremonese, Cremona, 2013.
  2. ^ Dizionario biografico del Risorgimento cremonese
  3. ^ Fiorino Soldi, Risorgimento cremonese (1796-1870), Pizzorni, Cremona, 1963, pp. 331, 489, 666 e 838.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Angela Bellardi, Maria Luisa Betri, Andrea Foglia, Matteo Morandi, Emanuela Zanesi, Dizionario biografico del Risorgimento cremonese, Cremona, Società Storica Cremonese, 2013.
  • Fiorino Soldi, Risorgimento cremonese (1796-1870), Cremona, Pizzorni, 1963.