Wikipedia:Pagina delle prove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

PRINCIPALI TECNICHE DI ESTRAZIONE DA VEGETALI PRINCIPIO DI NAVIGLIO

"LA GENERAZIONE, CON UN OPPORTUNO SOLVENTE, DI UN GRADIENTE DI PRESSIONE NEGATIVO TRA L'ESTERNO E L'INTERNO DI UNA MATRICE SOLIDA CONTENENTE DEL MATERIALE ESTRAIBILE, SEGUITA DA UN REPENTINO RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO INIZIALI, INDUCE L'ESTRAZIONE FORZATA DEI COMPOSTI NON CHIMICAMENTE LEGATI ALLA STRUTTURA PRINCIPALE DI CUI E' COSTITUITO IL SOLIDO".

DESCRIZIONE DEL PRINCIPIO:

Se si alternano una fase statica ad una dinamica; durante la fase statica il solvente estraente viene portato ad una pressione compresa tra i 7 e 9 bar e tenuto in questo stato per un tempo sufficiente a raggiungere un equilibrio tra la pressione del all'esterno della matrice solida ed il liquido all'interno di essa; alla fine della fase di statica inizia una fase di dinamica che è prodotta da uno spostamento repentino della pressione a valori molto bassi, è proprio in questo momento che si realizza l'estrazione per lisciviazione della matrice solida.

Questa estrazione diventa possibile poiché si genera una differenza di pressione negativa dall'interno verso l'esterno della matrice solida, dovuta al repentino decadimento della stessa all'esterno del solido.

Le sostanze estraibili contenute all'interno della matrice denominate fitocomplesso vengono trascinate e diffuse nel liquido estraente da un effetto vuoto e questo si ripete in ogni ciclo di pressione e depressione.

Inoltre tale processo permette la diffusione omogenea delle sostanze attive nel liquido estraente.