XXIX legislatura del Regno d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of Italy (1861-1946).svg Regno d'Italia
XXIX legislatura
Scheda per la votazione - Legislatura XXIX - Elezioni politiche 25 marzo 1934 - Fronte.jpeg
Scheda per la votazione nel 1934
Informazioni XXIX legislatura
Monarca Vittorio Emanuele III di Savoia
Inizio 28 aprile 1934
Fine 2 marzo 1939
Sessioni
Sessione Unica
Camera
Elezioni 25 marzo 1934 (Dettagli)
Presidente Costanzo Ciano
Deputati Elenco
Senato
Presidente Luigi Federzoni
Senatori Elenco
Capi di governo
Governi Mussolini (1922-1943)
Left arrow.svg XXVIII legislatura XXX legislatura Right arrow.svg

La XXIX legislatura del Regno d'Italia ebbe inizio il 28 aprile 1934 e si concluse il 2 marzo 1939.

Elezionimodifica | modifica wikitesto

Il collegio unico nazionale per l'approvazione della lista dei deputati designati dal Gran Consiglio del Fascismo fu convocato per il 25 marzo 1934.[1]

I nomi degli 800 candidati, numero identico a quello del 1929, furono presentati da diversi Enti al Gran Consiglio del Fascismo che formò l'elenco dei 400 candidati designati. Votarono in 10.060.426 su 10.527.608 aventi diritto.

La legislatura fu dichiarata aperta il 28 aprile 1934 e fu chiusa il 2 marzo 1939.[2]

Governimodifica | modifica wikitesto

Governi formati dai Presidenti del Consiglio dei ministri su incarico reale.

  1. Governo Mussolini (30 ottobre 1922 - 25 luglio 1943), presidente del Consiglio dei ministri Benito Mussolini (PNF)
    • Composizione del governo: PNF

Parlamentomodifica | modifica wikitesto

Camera dei Deputatimodifica | modifica wikitesto

Nella legislatura la Camera tenne 147 sedute.[3]

Senato del Regnomodifica | modifica wikitesto

Nella legislatura il Senato tenne 137 sedute.[3]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Regio decreto n. 7, 19 gennaio 1934.
  2. ^ Regio decreto n. 340, 2 marzo 1939.
  3. ^ a b F. Bartolotta, vol. I, pag. 205.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Francesco Bartolotta (a cura di), Parlamenti e governi d'Italia dal 1848 al 1970, Roma, Vito Bianco Ed., 1971.